Venerdì, 15 Luglio 2022 - 16:15 Comunicato 2204

L’assessore Gottardi: “Protocollo di finanza locale, un risultato sinergico”
Caro energia e opere comunali, nuove risorse anti-crisi destinate agli enti locali

Su proposta dell’assessore provinciale agli enti locali, Mattia Gottardi, la Giunta ha approvato oggi il documento di integrazione del protocollo d’intesa in materia di finanza locale per il 2022, dopo il voto positivo del Consiglio delle autonomie locali. Le risorse messe a disposizione delle municipalità sono importanti: agli ulteriori 40 milioni di euro di budget per gli investimenti programmati si sommano 10 milioni del fondo di riserva per opere urgenti e una prima tranche di 5 milioni per la gestione del caro energia, oltre a 1,2 milioni di trasferimenti compensativi per il minor gettito Imis, 3,8 milioni di euro per servizi comunali (principalmente servizi socio-educativi per la prima infanzia e trasporto pubblico locale) e circa 10 milioni di euro per il rinnovo contrattuale e le progressioni dei dipendenti degli enti locali.
L'assessore agli enti locali Mattia Gottardi [ FABIO GALAS]

Il documento potrà ora essere sottoscritto dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, dall’assessore agli enti locali Gottardi e dal presidente del Consiglio delle autonomie locali, Paride Gianmoena.

Poiché l’incremento dei prezzi dell’energia impatta in modo significativo sui bilanci degli enti locali, Piazza Dante ha deciso di intervenire rendendo disponibili 5 milioni di euro per fronteggiare il caro bollette almeno fino all’autunno, così come previsto dalla manovra di assestamento di bilancio. Va detto che questa misura terrà conto inoltre dei costi sostenuti da società in house, enti strumentali e altri soggetti, anche indirettamente a carico dei bilanci comunali. Le risorse provinciali vanno a sommarsi ad ulteriori 5 milioni di euro circa messi a disposizione per le stesse finalità dallo Stato. “Il nostro provvedimento consentirà dunque di coprire la quasi totalità degli aumenti registrati fino ad oggi” ha spiegato l’assessore Gottardi.

Nell'ambito dell'integrazione al Protocollo d'intesa è stato inoltre ridefinito il modello di riparto del Fondo perequativo ai Comuni con meno di 15.000 abitanti, destinato alle loro spese di funzionamento, che comprende anche le risorse aggiuntive messe in campo per il 2022. Attraverso un lungo lavoro di raccolta e di validazione dei dati, che ha visto coinvolti tutti i Comuni, si è giunti ad un riparto maggiormente affinato e rispondente alle realtà finanziarie dei singoli enti, le cui risultanze sono confermate anche per i prossimi due anni, in modo da dare certezza e stabilità alla programmazione degli enti. 

Per quanto riguarda il sostegno agli investimenti, ammontano a 10 milioni di euro le risorse destinate ad interventi infrastrutturali di natura urgente: serviranno a finanziare investimenti connessi all'erogazione di servizi essenziali come ad esempio infrastrutture igienico sanitarie e per l’approvvigionamento idrico dei centri abitati, oppure la messa in sicurezza di strade e del patrimonio comunale. 

Infine, 40 milioni di euro saranno destinati al Fondo per le opere programmate nei Comuni, principalmente al mantenimento e alla manutenzione del patrimonio comunale.

Nell'ambito dell'integrazione al Protocollo d'intesa, il Consiglio delle autonomie locali e la Giunta provinciale hanno condiviso che il Fondo per l’emergenza prezzi e sostegno dell’economia, istituito dalla Provincia, potrà essere impiegato anche per il sostegno delle ulteriori spese degli enti locali legate al caro energia e al caro materiali connesso alla realizzazione delle opere degli enti locali finanziate dalla Provincia.

“Questo documento – ha osservato l’assessore Gottardi – è il risultato di un percorso di negoziazione con gli amministratori comunali in seno al Cal. Abbiamo lavorato assieme, in una logica di sistema, con l’obiettivo di  continuare ad assicurare a tutti i cittadini, nonostante l'aumento dei costi causato dal complesso contesto internazionale,  servizi di qualità, possibilmente migliorandoli”.

L'intervista all'assessore Gottardi: 

 

(a.bg)


Immagini