Domenica, 21 Agosto 2022 - 15:09 Comunicato 2525

La cerimonia di consegna oggi ad Alpbach, nella Giornata del Tirolo
Camere di commercio e dell’economia dell’Euregio: un premio a ricerca e innovazione

Dal 21 agosto al 2 settembre 2022 ha luogo il Forum Europeo di Alpbach nell’omonima località del Tirolo settentrionale. L’odierna Giornata del Tirolo rappresenta un momento particolarmente saliente della serie di eventi durante il quale è ormai tradizione consegnare il Premio giovani ricercatori e ricercatrici dell’Euregio nonché il Premio innovazione dell’Euregio, entrambi patrocinati dalle Camere di commercio e dell'economia dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino. Alan Ianeselli, della Libera Università di Bolzano si è aggiudicato il primo posto del Premio giovani ricercatori e ricercatrici; al secondo e al terzo posto un ricercatore e una ricercatrice dell'Università di Trento: Francesco Asnicar e Chiara Valzolgher. La vittoria del Premio innovazione è andata a Gregor Holfeld, della Heart Regeneration Technologies di Innsbruck, seguito da Nathalie Hinkkanen e Ulrich Hausmann della Occyo di Innsbruck e, al terzo posto, da Mattia Bolzan della trentina PreBiomics.
Il presidente dell'Euregio ha sottolineato che la volontà dell'Euroregione Trentino-Alto Adige-Tirolo è proseguire la collaborazione transfrontaliera anche nella ricerca e nell'innovazione. La partecipazione di tanti giovani ai premi di oggi è un esempio che conferma la presenza delle eccellenze in questi campi nei nostri territori.
“Nell’era della digitalizzazione le esigenze della clientela sono in costante cambiamento. Per poterle soddisfare, le aziende devono puntare sull’innovazione. La ricerca contribuisce in maniera decisiva alla capacità di rinnovamento delle imprese. Questo spiega perché le Camere di commercio e dell'economia dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino patrocinano il Premio giovani ricercatori e ricercatrici dell’Euregio nonché il Premio innovazione dell’Euregio”, hanno commentato i presidenti della Camera dell’economia del Tirolo Christoph Walser, della Camera di commercio di Bolzano Michl Ebner della Camera di commercio di Trento Giovanni Bort.
I Giovani ricercatori premiati ad Alpbach. Da sinistra Chiara Valzogher, Alan Ianeselli, Francesco Asnicar [ Daniele Paternoster - Archivio Ufficio stampa PAT]

Il conferimento del Premio giovani ricercatori e ricercatrici dell’Euregio, assegnato a giovani di età inferiore ai 36 anni, è arrivato alla sua undicesima edizione. Il tema in concorso, “Salute e regionalità”, è stato esaminato da diversi punti di vista, anche se tutti i lavori di ricerca si sono focalizzati sulla realtà specifica dell’Euregio. Quest’anno il Premio di 5.000 euro per il vincitore, è stato conferito a Alan Ianeselli, che ha vinto con un progetto nella categoria Scienze della Salute, Scienze Naturali e Tecniche. Nel suo lavoro, il ricercatore si occupa dell'acqua sotto forma di masse liquide, nebbia e rugiada e spiega come il ciclo idrologico, guidato dal sole o da differenze di temperatura, crei fluttuazioni di salinità e acidità, che si traducono direttamente in macromolecole come DNA e RNA. Ad esempio, la condensazione della rugiada permette la denaturazione e la replicazione del DNA in condizioni simili a quelle sulla terra primordiale. Al secondo posto Francesco Asnicar, che ha affrontato il tema della relazione tra microbioma intestinale, dieta e fattori di rischio cardiovascolare e ha ottenuto un premio dal valore di 2.500 euro. Infine, il terzo posto è andato a Chiara Valzolgher per aver svolto un lavoro di ricerca incentrato sulla percezione acustica dello spazio attraverso la tecnologia della realtà virtuale. Valzolgher ha anche vinto il premio del pubblico, donato dall'EGTZ Alpine Pearls, che quest'anno ha potuto utilizzare uno strumento online per votare la migliore presentazione, utilizzando un codice QR.

Per il Premio innovazione hanno concorso imprenditori, imprenditrici, inventori e progettisti dell’Euregio che hanno sviluppato prodotti, tecnologie e servizi innovativi nel campo della "Salute e Life Sciences" (prevenzione, diagnostica, terapia, e altro). Il vincitore del Premio, Gregor Holfeld, ricercatore di Heart Regeneration Technologies (HeaRT), fondata nel 2016 come spin-off dell'Università di Medicina di Innsbruck, è stato in grado di dimostrare che le onde d'urto innescano una forte reazione di rigenerazione nel tessuto cardiaco e stimolano un aumento del flusso sanguigno. Se utilizzata durante un intervento chirurgico di bypass cardiaco, la terapia con onde d'urto HeaRT può migliorare la qualità della vita dei pazienti con infarto e ridurre le degenze ospedaliere. Rappresenta quindi una terapia più economica e meno dispendiosa per la medicina rigenerativa, la cardiochirurgia e la cardiologia. Anche i premi per l'innovazione sono di 5.000 euro per il primo posto, 2.500 euro per il secondo e 1.000 euro per il terzo, a cui va aggiunto un coaching congiunto delle agenzie di sviluppo dal valore di 5.000 euro per tutti e tre i classificati. Per l'Innovazione, il premio del pubblico lo ha ricevuto Francesco Guzzonato di ALOS Srl.

Per ulteriori informazioni è possibile rivolgersi all’Ufficio comune dell’Euregio Tirolo-Alto Adige-Trentino: tel. 0471 402 026 (riferimento Andreas Eisendle)
www.europaregion.info/youngresearcher/www.europaregion.info/innovation/

Fotoservizio a cura dell'Ufficio Stampa Pat

Immagini e interviste Euregio

(us)


Immagini