Giovedì, 07 Luglio 2022 - 10:52 Comunicato 2104

Il presidente Fugatti e il sindaco Soini: "Un investimento sul futuro dei nostri ragazzi"
Ala: consegnati i lavori per la nuova scuola primaria

Sono stati consegnati questa mattina i lavori di risanamento conservativo e ampliamento dell'ex Convitto "Silvio Pellico" di Ala al fine di realizzarvi la nuova scuola primaria. Erano presenti il presidente della Provincia Maurizio Fugatti, il sindaco e il vicesindaco di Ala, Claudio Soini e Luigino Lorenzini, il dirigente del Servizio Opere Civili di APOP Marco Gelmini, il responsabile dell'Area tecnica del Comune di Ala Nicola Passamani, il direttore lavori Mauro Sommadossi e il consigliere delegato dell'impresa Manelli Srl - la ditta che si è aggiudicata il lavoro - Gianfranco Donisi.
"La volontà della Giunta è quella di accelerare sull'avvio dei cantieri, veder partire finalmente questa opera, che ha avuto un iter piuttosto lungo, è per noi motivo di soddisfazione, soprattutto perché è relativa a un comparto decisivo come quello della scuola - ha sottolineato il presidente Fugatti - Accanto alla spinta all'economia, in una fase in cui assistiamo a un rallentamento della crescita a causa della situazione internazionale, c'è la consapevolezza del fatto che dare alle nuove generazioni spazi moderni e più adeguati rappresenta un investimento sul loro e sul nostro futuro". Il presidente ha infine ricordato altre opere che partiranno a breve sul territorio, fra cui il casello autostradale di Ala/Avio.
Il sindaco Soini ha evidenziato come si tratti di: "Un'opera attesa dalla comunità, primo passo per il nuovo polo scolastico, che si completerà con la futura ristrutturazione della scuola secondaria di primo grado". Il primo cittadino di Ala ha quindi ricordato anche il progetto del polo polifunzionale, in corso, finanziato dalla Provincia, dove troveranno spazio "tutte le funzioni e le associazioni che si occupano della sicurezza della comunità".
Consegnati i lavori di risanamento dell'ex Convitto "Silvio Pellico" di Ala per la nuova scuola primaria (da destra Marco Gelmini dirigente del Servizio Opere Civili di APOP, Luigino Lorenzini vicesindaco di Ala, Claudio Soini sindaco di Ala ,Maurizio Fugatti presidente della Provincia Autonoma di Trento) [ Archivio Ufficio stampa PAT]

La progettazione esecutiva è stata delegata dal Comune di Ala all’ Agenzia Provinciale per le Opere pubbliche (APOP) – Servizio Opere Civili.
In dettaglio, oggi è stato assegnato il primo dei cinque lotti in cui è stato suddiviso l'intervento, che verrà eseguito dall'impresa Manelli Srl della provincia di Bari che si è aggiudicata i lavori per 6.778.427,81 euro.

Intervista al presidente Fugatti: 

 

Intervista al sindaco Soini: 

 

Lavori
L'intervento prevede il risanamento conservativo dell'ex Convitto S. Pellico al quale viene aggiunto un nuovo volume che andrà a completare tutte le esigenze funzionali per l'inserimento della Scuola elementare di Ala. Sull'edificio storico verranno effettuati interventi di restauro e di manutenzione di elementi di pregio tutelati mentre l'ampliamento verrà realizzato con un sistema tradizionale in calcestruzzo armato e tamponamenti in parte in laterizio e in alcuni casi in pannelli di legno xlam.
L’edificio garantirà la funzionalità per una scuola primaria che potrà ospitare 500 alunni suddivisi su quattro sezioni, ciascuna per cinque annate, per un totale di 20 classi. Ci saranno inoltre spazi di attività interciclo (biblioteca, aule di sostegno, n. 2 laboratori di informatica/lingue/attività scientifiche, uno per l’attività artistica, la psicomotricità, l’educazione musicale e un ampio laboratorio per l’attività di cucina). Al piano terra della parte nuova sarà prevista anche una mensa. Particolare attenzione è stata posta nella progettazione per adottare accorgimenti per migliorare, ove possibile, le condizioni energetiche del complesso edilizio e i relativi costi di gestione futuri. Il complesso edilizio verrà certificato nella classe energetica B.
Il lotto 1 prevede la realizzazione di quasi tutte le opere edili e impiantistiche per la definizione dell'opera. I tempi previsti sono di 725 giorni naturali consecutivi. Vi sono poi dei successivi lotti di minore entità per il completamento di finiture per i quali sono previsti in totale ulteriori 60 giorni naturali consecutivi. 

(at e ac)

Riprese, immagini e interviste a cura dell'Ufficio Stampa

Immagini: 

 

(ac)


Immagini