Comunicato 2659 Mercoledì, 11 Ottobre 2017 - 00:04

A Bruxelles l’intervento del governatore Ugo Rossi all’evento organizzato nella sede di rappresentanza di Trentino, Alto Adige e Tirolo
Euregio, un esempio di protagonismo dei territori per un’Europa dei cittadini e delle Regioni

“L’Euregio? Un modo per cercare di utilizzare al meglio uno strumento che i nostri territori gestiscono da tempo e che si chiama autonomia, ossia autogoverno. Parole che, pronunciate in queste ore in Europa, richiamano situazioni di apprensione ma che per noi sono la vera risposta al bisogno dei territori che rivendicano di potersi esprimere”. Siamo a Bruxelles, nella sede di rappresentanza di Trentino, Alto Adige e Tirolo. A pronunciare queste parole, nel momento in cui gli occhi del mondo sono puntati sulla Catalogna, è il governatore del Trentino, Ugo Rossi. Al suo fianco i suoi “colleghi” Arno Kompatscher (Provincia di Bolzano) e Günther Platter (Capitano del Tirolo), ma soprattutto Karl Heinz Lambertz (presidente del Comitato delle Regioni) e Johannes Hahn (commissario europeo all’allargamento e alla politica di vicinato). L’occasione è offerta dall’evento “Euregio: cooperare per condividere responsabilità in Europa” che ha permesso di accendere nuovamente i riflettori su questo particolarissimo esperimento di diplomazia e cooperazione transfrontaliera che già da diversi anni vede dialogare proficuamente due “lembi” di Italia e Austria un tempo uniti sotto la bandiera dell’impero austroungarico: Trentino Alto Adige Südtirol e Land Tirol.

“I nostri tre territori - ha spiegato Ugo Rossi - vengono da una storia comune, da quell’esperimento di piccola Europa che era l’impero austroungarico e, su questa base, abbiamo cercato di sviluppare in questi anni una concreta collaborazione, oltre i confini, pensando soprattutto ai giovani perché è normale che qualsiasi impegno sia proietttao verso il futuro. Ecco, l’Euroregione prima di tutto cerca di offrire ai nostri giovani opportunità, per imparare uni dagli altri anzitutto ma serve anche per costruire quella che pensiamo essere la nuova Europa: l’Europa dei cittadini, delle istituzioni locali, delle regioni, l’Europa dei popoli, che riescono a collaborare anche andando al di là delle pur importanti iniziative delle istituzioni europee”.

Rossi ha spiegato che attraverso l’euroregione si sta sperimentando una governance dei territori articolata su più livelli. “Noi stessi dobbiamo imparare a cedere sovranità nei confronti delle istituzioni europee - ha affermato - ma vogliamo anche lanciare un messaggio affinché l’Europa riconosca che, in un mondo sempre più globale, si possono dare risposte concrete ai bisogni dei cittadini attraverso un ruolo maggiore delle regioni, delle istituzioni e delle autonomie locali”.

Qualche esempio? “Abbiamo affrontato assieme un tema delicatissimo come quello dell’immigrazione, superando una situazione difficile che rischiava di farci ripiombare in un passato in cui Italia e Austria erano separate da un confine. Abbiamo cercato di dare per primi il buon esempio, collaborando nella gestione dei flussi, tenendoci informati e soprattutto stimolando il dialogo fra i nostri Stati”

Un altro tema comune è quello dell’ambiente. “Siamo tre territorio alpini e per Alpi intendo un patrimonio non solo per noi che ci viviamo, ma per tutta l’Europa. Ecco perché ci sentiamo in dovere di preservarle, perseguendo modelli di sviluppo sostenibili, a partire dalla mobilità che deve essere rispettosa, il meno impattante possibile”. 

Dentro questo capitolo si inserisce a pieno titolo il grande progetto del tunnel del Brennero che - è stato ricordato - sarà ultimato nel 2026 e che vede ancora una volta i tre territori Euregio impegnati per adottare le migliori soluzioni tecnico-organizzative e per assicurare anche la realizzazione delle opere necessarie a garantire i collegamenti laterali. “La mobilità è una delle sfide più importanti anche per noi - ha commentato Rossi - per questo è importante che l’Euregio sia stata scelta come capofila proprio per seguire questa tematica all’interno di Eusalp. Ed è altrettanto importante lo sforzo messo in campo per educare alla mobilità sostenibile, un obiettivo cui si ispira la proposta di consentire ai nostri giovani di poter viaggiare sui mezzi pubblici dei tre territori utilizzando ciascuno il proprio abbonamento”.

Una Euregio dunque estremamente concreta quella presentata questa sera a Bruxelles, concentrata sui propri progetti ma attenta a quanto sta succedendo attorno e che, pensando alla Catalogna, proprio dal cuore dell’Europa, per voce del presidente di turno Ugo Rossi, fa notare come è ancora possibile “valorizzare l’autonomia dei territori, in una chiave di appartenenza agli Stati nazionali, ma con uno sguardo che sa anche andare oltre”

Immagini

(gp)


Potrebbe interessarti

ECONOMIA , EUROPA E ESTERI
Venerdì, 13 Ottobre 2017

Dall’Argentina in Trentino per studiare lo sviluppo locale

Si conclude oggi la “4 giorni” di visita-studio in Trentino di un gruppo di alti dirigenti delle Province argentine di Misiones e di Cordoba promossa nell’ambito di un programma di assistenza tecnica finanziato dalla Commissione europea e supportato da Ismeri Europa. A guidare la...

Leggi
AUTONOMIA E MINORANZE , EUREGIO
Mercoledì, 11 Ottobre 2017

Euregio: Cooperating to share responsibility in Europe

“The Euregio? A way to try making the best use of a tool that our territories have been managing for a long time, the Autonomy, which essentially means self-government. Words that pronounced in these hours in Europe recall a situation of concern; but for us, they are the real answer to the...

Leggi
EUROPA E ESTERI , TERRITORIO E AMBIENTE
Martedì, 03 Ottobre 2017

Eusalp: unire le forze, per la natura, i cittadini e l’economia; firmata ieri una dichiarazione congiunta

Sviluppare l’infrastruttura verde alpina, come rete strategica di aree naturali o seminaturali, per garantire un futuro sostenibile e vivibile a beneficio della natura, dei cittadini e dell’economia, e inoltre rendere la regione alpina un modello per l'infrastruttura verde a livello...

Leggi
Venerdì, 27 Febbraio 2015

La Provincia autonoma di Trento accetta la sfida e passa a Open Office!

A chi non è successo, almeno una volta, di ricevere un documento digitale sul proprio pc e di non riuscire a leggerlo? Probabilmente questo succede perché non abbiamo lo strumento/software in grado di aprirlo. Se la cosa ci fa arrabbiare, fermiamoci un attimo a riflettere su quello che...

Leggi
Giovedì, 20 Aprile 2017

Trentino Comunità n.14

Politiche di conciliazione famiglia-lavoro: firmato l'accordo volontario di area - Contributi per la riqualificazione energetica: attivo il nuovo bando - Frutticoltura, tre milioni per le strutture di conservazione - Spirale investe nello stabilimento di Cinte Tesino: 35 nuove assunzioni

Ascolta
Venerdì, 01 Aprile 2016

Trentino Comunità n.14

Euregio: nasce la scuola per formare amministratori a misura d'Europa - Approvato il "Piano della fragilità dell’età evolutiva" -  Provincia e Trenitalia: ufficializzato il nuovo contratto - Sull'altopiano di Piné, due giorni dedicati al piacere del camminare lungo il sentiero E5

Ascolta
Venerdì, 15 Gennaio 2016

Trentino Comunità n.3

In arrivo risorse per rafforzare il sistema duale e la formazione professionale - A22: firmato l’accordo per il rinnovo della concessione - Malgara: la Provincia in aiuto ai dipendenti che da mesi non percepiscono lo stipendio - Educa 2016: libertà e regole il tema della VII...

Ascolta