Comunicato 970 Venerdì, 28 Aprile 2017 - 12:14

Ad oggi il mancato esercizio dell'opzione da parte dei contribuenti interessa una cifra pari a circa 4,7 milioni di euro
Un circolo virtuoso che non costa nulla: il 5 per mille ai comuni per sostenere il lavoro

Un'opportunità per i contribuenti che si accingono a compilare la dichiarazione dei redditi: destinare il 5 per mille dell'Irpef al proprio comune, che in base all'accordo siglato lo scorso anno fra Provincia e Consorzio dei Comuni, si impegna ad utilizzare la somma raccolta per i lavori socialmente utili. Con una semplice firma, quindi - nella casella contrassegnata dalla dicitura "Sostegno alle attività sociali svolte dal comune di residenza" - è possibile dare un concreto contributo al sostegno dell'occupazione in Trentino e alla realizzazione di qualche opera o servizio. Parliamo di interventi che riguardano ad esempio le piste ciclabili , la sentieristica o il verde pubblico, ma anche musei o case di riposo, svolti dai lavoratori del Progettone. In sintesi, come recita lo slogan della campagna, si crea "un circolo virtuoso che non costa nulla", in favore di un territorio curato e di più servizi per il cittadino, e di un impiego in più per qualcuno che ne ha bisogno. Negli ultimi due anni i lavoratori interessati - persone che in precedenza avevano perso il proprio lavoro e che attraversavano una situazione di particolare difficoltà anche economica - sono stati oltre 3.700 (in ognuno degli anni di riferimento).
"Ci rivolgiamo a chi in Trentino di solito, riguardo al 5 per mille, non fa alcuna scelta - spiegano il vicepresidente della Provincia Alessandro Olivi e il presidente del Consorzio dei Comuni Paride Gianmoena - ovvero alla maggioranza dei contribuenti,. Secondo le stime degli ultimi anni sono più dei due terzi del totale. Vale appena la pena ricordare che questa opzione non fa spendere un euro in più al cittadino. Rappresenta invece un'opportunità per far sì che una piccola percentuale delle imposte versate venga destinata al sostegno di una realtà o una causa 'mirata', che sta particolarmente a cuore al contribuente. Il nostro appello non si rivolge a chi abitualmente già destina il proprio 5 per mille ad una associazione trentina specifica, ma a chi proprio non esercita questa opzione. Mettendo assieme tutti i 5 per mille di chi non fa alcuna scelta si arriva ad una cifra importante, circa 4,7 milioni di euro".

L'accordo fra Provincia autonoma e Consorzio dei Comuni che consente ai contribuenti trentini di destinare il 5 per mille del proprio Irpef ad attività sociali svolte dal proprio comune di residenza risale allo scorso anno, ma il vero banco di prova è questo del 2017. Nel 2016, infatti, l'accordo era stato perfezionato quando già era iniziato l'iter per le compilazioni delle dichiarazioni dei redditi, quindi non è stata predisposta alcuna campagna in merito.

In base all'accordo il comune beneficiario si impegna ad utilizzare le risorse raccolte per i lavori socialmente utili. Come noto, i lavoro socialmente utili vengono svolti da persone residenti in Trentino che hanno perso il proprio impiego o comunque svantaggiate sul mercato del lavoro, tramite l'Agenzia del lavoro e il cosiddetto Progettone, facente capo al Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia. Grazie ai lavori socialmente utili vengono realizzate in Trentino molte opere che altrimenti i comuni, con le loro sole forze, difficilmente riuscirebbero a portare a compimento: piste ciclabili, impianti sportivi, spazi verdi e quant'altro, assieme anche alla gestione di servizi importanti in ambito culturale e sociale, come in biblioteche, musei e case di riposo.  

Il Progettone negli anni è diventato una parte importante del sistema di protezioni sociali provinciale, un elemento innovativo del welfare trentino il cui valore è riconosciuto ampiamente anche a livello nazionale. L'impegno finanziario della Provincia in favore del Progettone - nonché dei cosiddetti Interventi 19, sempre nell'ambito dei lavori socialmente utili - è stato negli ultimi due anni pari a oltre 60 milioni di euro l'anno. I comuni e le comunità di valle a loro volta hanno sostenuto questo strumento, con circa 6 milioni di euro. 

"Sostenere i lavori socialmente utili, attraverso il proprio comune di residenza, è importante, fa bene al Trentino e crea valore aggiunto per tutti i cittadini", sottolineano con forza Olivi e Gianmoena. Ma di quali cifre stiamo parlando? Attualmente chi esercita l'opzione prevista dalla legge sulla destinazione del 5 per mille dell'Irpef a favore di enti o associazioni trentini è poco più del 22% dei contribuenti trentini. Sul totale delle risorse raccolte, solo il 5,74%, lo scorso anno, è andato ai comuni, per una cifra complessiva molto bassa, di circa 169.909 euro (stabile rispetto all'anno precedente che fu praticamente la stessa). Ma l'appello di Provincia e Consorzio dei Comuni non si rivolge tanto a coloro che già esercitano la loro opzione, in genere destinando il loro 5 per mille a qualche associazione, ma alla vasta maggioranza dei contribuenti, più dei 3/4 del totale (77,9%), che non lo fa (in questo caso il loro 5 per mille viene semplicemente incamerato come il resto delle imposte). La quota totale è pari a circa 4,7 milioni di euro.

Per destinare il proprio 5 per mille ai comuni non è necessario conoscere alcun codice fiscale, come avviene invece qualora si decida di optare in favore di un'associazione. E' sufficiente firmare nell'apposita casella presente nel modello 730.

Immagini

(mp)


Potrebbe interessarti

LAVORO , PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Venerdì, 01 Dicembre 2017

Gelate primaverili: arrivano gli ammortizzatori per sostenere il reddito dei lavoratori stagionali

Con una delibera che porta la firma degli assessori all'agricoltura Michele Dallapiccola e allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi ed i cui contenuti sono ripresi in un protocollo d'intesa firmato oggi da Provincia, Federazione trentina della cooperazione e i sindacati Cgil, Cisl e...

Leggi
ECONOMIA , LAVORO
Venerdì, 24 Novembre 2017

Presentazione del 32° rapporto annuale sull'occupazione in provincia di Trento

Il 28 novembre 2017, dalle ore 14.00 alle 18.00, l'Agenzia del lavoro della Provincia autonoma di Trento presenterà, presso l’Aula Magna - Palazzo Istruzione, via Gilli, 3 a Trento, la 32° Edizione del “Rapporto sull’occupazione in provincia di Trento”. L’appuntamento, aperto a...

Leggi
LAVORO
Lunedì, 20 Novembre 2017

Lavoro, con il "Career Day al Contrario" è l'offerta che stimola la domanda

Si chiama "Career Day al Contrario" ed è una nuova modalità d'incontro tra domanda e offerta di lavoro. A mettere in campo la sperimentazione è il Centro per l'impiego di Trento, che ha voluto in tal modo rispondere alle sollecitazioni delle imprese che hanno partecipato ai...

Leggi
Mercoledì, 30 Settembre 2015

Riserva Biosfera Unesco

di Fausta SlanziSono quarantasette mila gli ettari di territorio trentino candidato a Riserva della Biosfera UNESCO. Si estendono dalla Alpi di Ledro alle Giudi­carie esteriori: dai 63 metri di altitudine del Lago di Garda ai 3.173 della cima Tosa nel cuore delle Dolomiti di Brenta, già...

Leggi
Lunedì, 21 Settembre 2015

Stop al consumo del territorio

Obiettivo 2020 zero consumo di suolo

Leggi
Venerdì, 10 Aprile 2015

Acque in buono stato, ma migliorabili

di Francesco MarcovecchioLe acque trentine stanno bene. E sono in arrivo misure che potranno renderle ancora migliori. Merito del nuovo Piano di tutela delle acque, approvato il 16 febbraio scorso dalla Giunta provinciale. "Grazie agli interventi messi in campo negli ultimi anni -...

Leggi
Emigrazione , Famiglia
Mercoledì, 28 Giugno 2017

Trentino Comunità n.24

Festa provinciale dell'Emigrazione dal 6 al 9 luglio - Progettone: 350 posti di lavoro in più nel 2017 - Due corsi di alta formazione professionale post diploma - Contributi della Provincia per la formazione post-diploma

Ascolta
Venerdì, 23 Giugno 2017

Trentino Comunità n.23

In arrivo l'assegno unico provinciale: un nuovo welfare di comunità - Agenzia del Lavoro: aperte le iscrizioni ai gruppi di sostegno attivo alla ricollocazione - Da sabato 24 giugno entrano in vigore gli orari estivi del servizio extraurbano e della Trento-Malè - Scuola dell'infanzia: sono...

Ascolta
Giovedì, 20 Aprile 2017

Trentino Comunità n.14

Politiche di conciliazione famiglia-lavoro: firmato l'accordo volontario di area - Contributi per la riqualificazione energetica: attivo il nuovo bando - Frutticoltura, tre milioni per le strutture di conservazione - Spirale investe nello stabilimento di Cinte Tesino: 35 nuove assunzioni

Ascolta