Comunicato 980 Giovedì, 10 Maggio 2018 - 14:12

La Conferenza delle Regioni fa proprie le richieste delle Provincie autonome
Trento e Bolzano chiedono a Roma regole chiare per ripartizione e rimpatrio dei migranti

Regole chiare per il rimpatrio di persone senza diritto di asilo e un sistema di ripartizione nazionale per chi raggiunge l'Italia via terra o si sposta all'interno del Paese. Queste le principali richieste esposte oggi a Roma alla Conferenza delle Regioni dal presidente della Provincia autonoma di Bolzano Arno Kompatscher, concordate con il governatore del Trentino Ugo Rossi, trattenuto a Trento dagli impegni relativi alla Adunata degli Alpini. Richieste che hanno trovato l'appoggio dei governatori delle Regioni dell'Italia settentrionale, ma non solo. La Conferenza ha deciso infatti di convocare con urgenza la commissione interna che si occupa di immigrazione, fare proprie le richieste dell'Alto Adige, e del Trentino e poi presentarle al futuro governo nazionale. ,
"Non è tollerabile che le nostre Province si trovino a dover gestire la presenza di persone che non hanno ricevuto il riconoscimento dello status di rifugiato e non hanno alcun titolo per continuare a risiedere sul territorio nazionale nel totale disinteresse da parte dello Stato - spiega Rossi, che ieri, a questo proposito, ha anche scritto una lettera al presidente della Conferenza Stato-Regioni Stefano Bonaccini - . E' urgente definire con il Ministero dell'Interno una modalità di gestione del problema che consenta di assicurare comunque un temporaneo sostegno umanitario a queste persone al fine di evitare, da un lato, situazioni di disagio grave e, dall’altro lato, il degrado delle nostre città e l'insorgere di situazioni di potenziale pericolo per i residenti".



 

Nonostante il numero delle persone che, via mare o via terra, raggiungono l'Italia sia in calo, la questione dei migranti continua a rappresentare una delle sfide più complesse e difficili da affrontare per le Regioni.

Uno dei nodi-chiave è la mancanza, a differenza di ciò che avviene per gli sbarchi via mare, di un sistema di riparto nazionale (sulla base della consistenza della popolazione di ogni Regione) per i richiedenti asilo che raggiungono autonomamente l'Italia via terra da altri paesi europei oppure da altre parti del territorio nazionale. "Il problema - sottolineano Rossi e Kompatscher - riguarda principalmente le Regioni di confine del Nord-Italia per motivi meramente geografici, e non vi è nessun motivo per trattare queste persone in maniera diversa rispetto a coloro che raggiungono l'Italia da sud attraverso la rotta del Mediterraneo".

Il secondo punto trattato alla Conferenza delle Regioni riguarda la necessità di una "linea chiara e unitaria" nei confronti non solo di quei richiedenti asilo che si vedono negata in maniera definitiva la richiesta di protezione internazionale, ma anche di coloro che ottengono risposta positiva alla domanda ma sono prive di sistemazione in quanto, proprio in virtù del loro nuovo status, devono lasciare le strutture di accoglienza. "E' fondamentale - affermano Rossi e Kompatscher - che vengano fissate regole chiare per il rimpatrio di coloro che hanno ottenuto il no definitivo alla richiesta di asilo, e soprattutto che lo Stato ponga in essere le misure concrete e necessarie per farle rispettare. L'aspetto fondamentale è che vi sia un'unica linea a livello nazionale, altrimenti si corre il rischio che, in entrambi i casi, le persone si possano spostare da una Regione all'altra sulla base delle diverse situazioni. Inoltre, tutta l'impalcatura del sistema di asilo è destinata a perdere di efficacia e credibilità se non vi è una differenziazione nel trattamento delle persone che hanno ottenuto o meno il diritto di asilo. Una linea unica e chiara a livello nazionale - ha concluso il presidente della Provincia di Bolzano - non è importante solo per l'Alto Adige e il Trentino, ma per tutte le Regioni e, più in generale, per lo stato di diritto".

Immagini

(mp)


Potrebbe interessarti

TERRITORIO E AMBIENTE
Venerdì, 04 Maggio 2018

Ritorna la Festa della biodiversità

Prosegue in Trentino il percorso per la tutela e la valorizzazione della biodiversità. L'occasione per mettere in rete le varie attività che sul territorio provinciale si propongono di far conoscere gli importanti elementi della biodiversità sarà, dal 11 maggio al 3 giugno, "Il...

Leggi
Mercoledì, 24 Gennaio 2018

Trentino Comunità n.3

Provincia, parola d’ordine: semplicità - Centri storici; 40 milioni per interventi sulle facciate e sugli interni - Le produzioni agroalimentari trentine nel mondo con Eataly - Scuole dell'infanzia: iscrizioni anche on line

Ascolta
Mercoledì, 17 Gennaio 2018

Trentino Comunità n.2

Mobilità elettrica: gli incentivi provinciali per cittadini e imprese - Successo trentino al Campionato di Sci della Protezione Civile - Trentino Lavoro: già 586.000 gli accessi al portale - Ossario di Castel Dante: già previsti i lavori di restauro

Ascolta
Mercoledì, 10 Gennaio 2018

Trentino Comunità n.1

In Trentino è entrato in vigore il Reddito di attivazione al lavoro  - Al via e-Ranger, la call di Trentino Sviluppo che promuove la costruzione di sistemi digitali per la tutela di flora e fauna nelle aree naturali  - Alta Formazione professionale: al via 13 percorsi - Sono...

Ascolta