Comunicato 2098 Venerdì, 07 Ottobre 2016 - 12:11

Anche a seguito del voto unanime del Consiglio delle Autonomie
Settore estrattivo, la Giunta ha approvato in via definitiva il disegno di legge

Dopo l'approvazione preliminare e il passaggio al Consiglio delle Autonomie locali, oggi la Giunta, con un provvedimento a firma del vice presidente e assessore allo sviluppo economico e lavoro Alessandro Olivi, ha approvato in via definitiva il disegno di legge che segna una svolta per il settore estrattivo. Adesso sarà il Consiglio provinciale a pronunciarsi. Quattro gli obiettivi principali del provvedimento: nuove regole per la lavorazione del materiale grezzo, per attuare una vera e propria filiera produttiva; competenze provinciali su politiche di indirizzo e di coordinamento, per garantire misure di sistema finalizzate ad alzare gli standard qualitativi dell'attività estrattiva; qualità e sicurezza del lavoro; nuovi rapporti tra Comuni e Asuc, per una più efficace gestione delle concessioni.
“Dopo un confronto serrato con gli attori del sistema – sottolinea il vice presidente Alessandro Olivi – variamo un disegno di legge che vuole far cambiare passo ad un distretto sociale ed economico che ha bisogno di essere innovato. Qualità e responsabilità sono le parole d'ordine”.

Di seguito i principali contenuti.

1) Unità della filiera: prima e seconda lavorazione insieme

Il cuore della riforma riguarda le modalità di lavorazione del materiale grezzo. L'obiettivo è fare in modo che chi estrae il porfido svolga all'interno dell'azienda sia la prima che la seconda lavorazione. Per le nuove concessioni vengono introdotti l'obbligo di lavorare con propri dipendenti una quota significativa del materiale “grezzo” e di rendere tracciabile il restante materiale, per esempio attraverso la pesatura obbligatoria. Per le concessioni in essere verranno stabiliti obblighi graduali per la lavorazione in proprio del grezzo, secondo principi di ragionevolezza e prevedibilità.

2) Disciplinare e bando tipo, macrolotti: secondo regole stabilite dalla Provincia

La Giunta provinciale, per le nuove concessioni del porfido, approverà un disciplinare e un bando di gara tipo che prevederà elementi di valutazione qualitativi, ambientali e sociali. Fra questi saranno considerati il pregio tecnico dei materiali, il possesso di marchi di qualità e di certificazioni etiche e ambientali, il piano sull'occupazione che ci si impegna a rispettare. Questo anche per dare più omogeneità al comparto.
Saranno determinati criteri per l'individuazione di nuovi lotti che dovranno essere di dimensioni significativamente maggiori degli attuali; per favorire la nascita di aziende più strutturate, coltivazioni più razionali e sicure, possibilità di recuperi ambientali contestuali all'estrazione, economie di scala con l'ottimizzazione dell'utilizzo di strutture e macchinari.

3) Qualità e sicurezza del lavoro

Grande attenzione è stata riservata alla qualità del lavoro. Viene introdotto, come detto, l'obbligo di lavorazione con propri dipendenti, sono previste alcune responsabilità a carico del concessionario relativamente ai soggetti che effettuano la seconda lavorazione, viene prevista la possibilità di introdurre una clausola sociale per promuovere la stabilità occupazionale dei lavoratori nel caso di nuovo affidamento della concessione. Sono state introdotte poi specifiche ipotesi di decadenza della concessione e dell'autorizzazione in caso di violazioni in materia di lavoro e di sicurezza sul lavoro. Nell'ambito dei controlli in materia di ambiente e sicurezza sul lavoro, è previsto un maggiore coordinamento. Sono state introdotte procedure certe, e non discrezionali, per la decadenza delle concessioni per le violazioni più gravi. E' stata prevista una specifica procedura per la verifica della regolarità delle retribuzioni, a carico del Servizio Lavoro della Provincia, e della regolarità contributiva, a carico dei Comuni.

4) Rapporti tra Comuni e Asuc

Per quanto riguarda le aree soggette al vincolo di uso civico, vengono riservate maggiori competenze alle ASUC a livello di programmazione, e vengono introdotte alcune misure al fine di disciplinare maggiormente i rapporti fra Comuni e ASUC.

Inoltre

Il disegno di legge prevede poi una riorganizzazione e semplificazione del Distretto del porfido e della pietra trentina. Sarà sostituito l'attuale Coordinamento del distretto (composto da 27 membri) con un “Comitato per lo sviluppo e la valorizzazione del distretto” più snello e composto da associazioni di categoria, sindacati, provincia, comuni e Trentino Sviluppo. (lr)

Immagini

(lr)


Potrebbe interessarti

GIOVANI , LAVORO
Martedì, 17 Ottobre 2017

Servizio civile, un'opportunità anche per le aziende for profit

Può il servizio civile essere realizzato all’interno di un’azienda? Un interrogativo a cui si è dato risposta al seminario “Il Servizio civile provinciale in azienda: una realtà possibile”, tenutosi oggi presso la Sala Belli del Palazzo Sede della Provincia di Trento. Tipicamente...

Leggi
LAVORO
Giovedì, 12 Ottobre 2017

Olivi, "Esercitare l'Autonomia in modo responsabile investendo sul lavoro, sulla sua protezione per un welfare più solidale"

Al Parco delle Feste di Lagolo, il vicepresidente Alessandro Olivi, assessore allo sviluppo economico e al lavoro, ha incontrato oggi i lavoratori del Progettone impegnati in Valle dei Laghi nel corso del 2017. Con lui anche il dirigente del servizio sostegno occupazionale e valorizzazione...

Leggi
EUREGIO
Giovedì, 21 Settembre 2017

Le politiche per il lavoro e per il territorio nell'Euregio

Politiche attive e passive del lavoro, ammortizzatori sociali, sfide e impegni futuri in un mercato del lavoro euroregionale sempre più interconnesso. Sono stati questi i temi affrontati oggi negli spazi formativi di via Giusti a Trento nel seminario "Le politiche per il lavoro e per...

Leggi
Mercoledì, 30 Settembre 2015

Riserva Biosfera Unesco

di Fausta SlanziSono quarantasette mila gli ettari di territorio trentino candidato a Riserva della Biosfera UNESCO. Si estendono dalla Alpi di Ledro alle Giudi­carie esteriori: dai 63 metri di altitudine del Lago di Garda ai 3.173 della cima Tosa nel cuore delle Dolomiti di Brenta, già...

Leggi
Lunedì, 21 Settembre 2015

Stop al consumo del territorio

Obiettivo 2020 zero consumo di suolo

Leggi
Martedì, 01 Settembre 2015

Il Trentino ad Expo 2015. L'energia della biodiversità

Sarà il Trentino dell’identità e delle eccellenze quello che nel 2015 parteciperà all’Expo di Milano, l’esposizione universale in programma dal 1° maggio al 31 ottobre. Nella cornice "futuristica" del Muse, il Trentino ha ufficializzato l’1 dicembre scorso la propria...

Leggi
Mercoledì, 18 Ottobre 2017

Trentino Comunità n.40

Ferrovia Feltre – Valsugana – Trento, approvato un protocollo d’intesa - Sport e tecnologia: un ponte verso il futuro - I cittadini e la protezione civile: "Io non rischio" in piazza Fiera - Vini trentini nei Paesi extra Unione europea: oltre 1 milione e 800 mila euro per la promozione

Ascolta
Mercoledì, 11 Ottobre 2017

Trentino Comunità n.39

Fondo strategico territoriale, approvati gli accordi per la Comunità Valsugana e Tesino e per la Valle di Sole - Dalle temperature ai ghiacciai: la ricerca racconta un clima che cambia - Boschi di protezione dalla caduta massi - Cresce la domanda di lavoro delle imprese trentine.

Ascolta
Giovedì, 05 Ottobre 2017

Trentino Comunità n.38

Assegno unico in vigore dal 1° gennaio e domande dal 10 ottobre - Industria 4.0 – nasce il polo regionale per l’innovazione - Sergio Marchionne proclamato dottore in Ingegneria meccatronica dall’Università di Trento  - Analisi sensoriale del miele, apiterapia e didattica:...

Ascolta