Comunicato 2118 Giovedì, 10 Agosto 2017 - 12:31

Incontro stamani fra l'assessore Gilmozzi, i tecnici della Provincia e le società coinvolte nella realizzazione dell'infrastruttura
Ponte di Strembo: previsto un intervento in due fasi di messa in sicurezza e successivo ripristino della completa funzionalità

Dalle prime analisi condotte ieri sera e proseguite nel corso della notte la deformazione manifestatasi sul ponte Caderzone-Strembo non è tale da prefigurare un collasso della struttura. Questa è la prima evidenza emersa nel corso dell'incontro di stamani presso l'assessorato alle infrastrutture e ambiente della Provincia, presenti l'assessore Mauro Gilmozzi, con il dirigente generale del Dipartimento infrastrutture e mobilità Raffaele De Col e il dirigente dell'Agenzia provinciale opere pubbliche Luciano Martorano, ed i rappresentanti delle ditte costruttrici dell'opera. L'infrastruttura dovrà ora essere ripristinata nella sua piena funzionalità, auspicabilmente entro l'inizio dell'inverno.
Dalle prime rilevazioni risulta essere avvenuto un cedimento dei tiranti di agganciamento dei contrappesi del ponte sulla sponda orografica destra, quello che guarda verso Tione, per cause che devono ancora essere appurate. L’intervento di ripristino ipotizzato prevede due fasi: dapprima una messa in sicurezza del ponte con un contrappeso che alleggerisca la tensione venutasi ora a creare sul resto della struttura, in particolare sulla campata centrale, migliorando quindi la sua condizione statica. il secondo intervento sarà di ripristino definitivo delle condizioni originarie dei tiranti che ancorano il ponte al contrappeso.
"Ciò che è emerso dai primi rilievi condotti ieri sera e questa notte - spiega l'assessore Gilmozzi - è nel complesso confortante, perché pur confermando una deformazione importante della struttura, non prefigura la possibilità di un cedimento strutturale. Nei prossimi giorni continuerà l'acquisizione dei dati tecnici relativi all'opera, che nel frattempo viene monitorata dalla Provincia nelle sue eventuali deformazioni e spostamenti, con un rilievo topografico continuo. Fin da ora iniziamo a lavorare alla sua messa in sicurezza e quindi ad un suo pieno ripristino. Il nostro auspicio, che è anche quello delle comunità coinvolte, è di riaprire l'infrastruttura prima dell'inizio della stagione invernale".

Il ponte  della SS 239 sul Sarca è parte del progetto di circonvallazione Caderzone-Strembo. L'appalto per la realizzazione dell’opera e la relativa progettazione esecutiva sono stati affidati all’Ati Strembo scarl, creata dalla Codelfa spa e dalla Oberosler cav. Pietro spa. La Sws srl di Trento ha curato la direzione lavori.

Il ponte ha una decina di anni di vita, misura in tutto circa 150 metri ed è a tre campate: una principale, di 90 metri, più due laterali di circa 15 e 46 metri. Il progetto originario prevedeva la realizzazione una struttura in acciaio strallata, ovvero sostenuta da cavi aerei. Successivamente  si era optato per una soluzione alternativa, un ponte più basso e quindi meno impattante paesaggisticamente, privo di stralli, realizzato con una tecnica sofisticata ma molto diffusa nel mondo.

Immagini e intervista all'assessore Gilmozzi a cura dell'ufficio stampa

Immagini

(mp)


Potrebbe interessarti

Mercoledì, 30 Settembre 2015

Riserva Biosfera Unesco

di Fausta SlanziSono quarantasette mila gli ettari di territorio trentino candidato a Riserva della Biosfera UNESCO. Si estendono dalla Alpi di Ledro alle Giudi­carie esteriori: dai 63 metri di altitudine del Lago di Garda ai 3.173 della cima Tosa nel cuore delle Dolomiti di Brenta, già...

Leggi
Lunedì, 21 Settembre 2015

Stop al consumo del territorio

Obiettivo 2020 zero consumo di suolo

Leggi
Venerdì, 10 Aprile 2015

Acque in buono stato, ma migliorabili

di Francesco MarcovecchioLe acque trentine stanno bene. E sono in arrivo misure che potranno renderle ancora migliori. Merito del nuovo Piano di tutela delle acque, approvato il 16 febbraio scorso dalla Giunta provinciale. "Grazie agli interventi messi in campo negli ultimi anni -...

Leggi
Giovedì, 17 Agosto 2017

Trentino Comunità n.31

"Garda by Bike": definite le quote di finanziamento, via alle progettazioni - Pro loco: stanziati 850 mila euro per il 2017 - Trento Film Festival 2018: le iscrizioni a film, libri e scuole - Robotica, attivata una selezione per docente

Ascolta
Giovedì, 10 Agosto 2017

Trentino Comunità n.30

Danni all'agricoltura, vertice di Dallapiccola - Inserimento lavorativo di persone svantaggiate: un bando per oltre 2 milioni di euro - Loppio-Busa: pronto il bando per il secondo lotto - Andare a vivere da soli: il progetto Cohousing.

Ascolta
Giovedì, 03 Agosto 2017

Trentino Comunità n.29

Guardando ad Alpbach - Cantieri edili, firmato un protocollo per il coordinamento dei controlli - Strike: c’è tempo fino al 4 settembre per presentare la propria storia - “Libera circolazione”, per muoversi con 50 euro all'anno - Dirigenti scolastici: affidati gli incarichi per il...

Ascolta