Mercoledì, 31 Agosto 2016 - 12:30 Comunicato 1785

Domenica 4 e lunedì 5 settembre porte aperte nei palazzi sede della Provincia e del Consiglio provinciale. Cerimonie in diretta streaming (www.provincia.tn.it)
Giornata dell'Autonomia: l'Aquila di San Venceslao al popolo trentino

Settant'anni di autonomia speciale, settant'anni di autogoverno, sono trascorsi da quella storica stretta di mano tra Alcide De Gasperi e Karl Gruber che, il 5 settembre 1946, cementò a Parigi il primo mattone dell'autonomia di Trento e Bolzano ma insieme a questa anche un'altra idea d'Europa, quella stessa idea e visione evocata il 18 agosto scorso a Pieve Tesino dal presidente Sergio Mattarella nella sua lectio degasperiana. Settant'anni che saranno ricordati e celebrati domenica 4 e lunedì 5 settembre in occasione della Giornata dell'Autonomia. Una giornata, anzi due, nelle quali molti saranno i momenti istituzionali ma in cui il protagonista principale sarà il popolo trentino, quelle stesse genti nelle cui mani, di generazione in generazione, l'autonomia è nata, cresciuta e si è sviluppata. A settant'anni dall'Accordo di Parigi, e alla vigilia del Terzo Statuto di autonomia, è dunque il popolo trentino che riprende in mano il "pallino" della propria storia e del proprio futuro. Ecco perché momento tra i più significativi dell'appuntamento sarà proprio, domenica 4 settembre, la consegna simbolica a questo popolo, rappresentato da 4 testimonial generazionali, dell'Aquila di San Venceslao.

Domenica 4 settembre i palazzi dell'autonomia, il Palazzo sede della Provincia in piazza Dante e Palazzo Trentini, la "casa" del Consiglio provinciale, apriranno le proprie porte al pubblico. Due luoghi delle istituzioni, ma soprattutto due luoghi di partecipazione e condivisione di un'esperienza di autogoverno che oggi si sta facendo carico di nuove responsabilità. I cittadini trentini avranno l'occasione di "fare il punto" sullo stato dell'autonomia partecipando ai vari momenti in cui è articolata la Giornata. "Una giornata - spiega il governatore Rossi - che vuole essere un momento di festa e un'opportunità per incontrarsi". Tra le varie proposte, sarà possibile visitare la sede della Provincia, osservare le opere d'arte frutto dell'ingegno e della creatività di alcuni dei maggiori artisti trentini che il palazzo custodisce, inaugurare insieme ai vertici delle istituzioni provinciali la mostra dedicata al 70mo anno dalla firma dell'Accordo Degasperi - Gruber con il quale è nata l'Autonomia del nostro Trentino.

Si inizia alle ore 10 in piazza Dante a Trento, nel palazzo sede della Provincia, con un intervento musicale nel porticato antistante Sala Depero che precederà il momento dell'apertura al pubblico del palazzo con il saluto di benvenuto del governatore Ugo Rossi.

Per individuare le strade future che potrà imboccare la nostra autonomia occorre però partire dalla sua storia, da ciò che l'autonomia è stata in passato, da ciò che ha rappresentato, da come si è sviluppata fino ai giorni nostri: un compito facilitato dalla mostra multimediale "Fra Italia e Austria" sui 70 anni dell'Accordo Degasperi-Gruber allestita nell'Atrio Winkler, la cui inaugurazione è in programma alle 10.30, mostra alla quale si affianca anche una esposizione, anch'essa multimediale, sulla vicenda delle sette famiglie siriane profughe di guerra che hanno trovato ospitalità in Trentino grazie al primo corridoio umanitario aperto dall'Italia in risposta all'emergenza migranti.

Lo stesso Atrio Winkler sarà lo spazio che ospiterà, a partire dalle ore 11, anche la Maratona di lettura in cui sarà la lettura di testi a tema a comporre una originale "storia del Trentino" attraverso lettere, diari e altre testimonianze dirette.  

Un momento conviviale a cura dei Nu.Vol.A. (i Nucleo volontari alpini che proprio in queste ore hanno dato inizio alla loro nuova missione di volontariato nei luoghi del centro Italia colpiti del terremoto del 24 agosto scorso), nel cortile interno del palazzo della Provincia, alle ore 12, sarà l'intermezzo di una giornata che riserva al pomeriggio altri due "eventi": alle ore 16 la consegna, in Sala Depero, del riconoscimento al popolo trentino con la consegna simbolica, da parte del governatore Ugo Rossi, dell'Aquila di San Venceslao, la più alta onorificenza della Provincia autonoma di Trento, a 4 testimonial generazionali.

La prima delle due giornate dedicate ai 70 anni dell'Accordo Degasperi-Gruber si concluderà, alle 17, ancora nella bellissima Sala Depero, con la presentazione da parte del presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti della Consulta per il Terzo Statuto.

Sala Depero sarà ancora, il giorno successivo lunedì 5 settembre, la sede che ospiterà la cerimonia ufficiale per il 70° dell'Accordo Degasperi-Gruber. Sarà l'occasione per ricordare il contesto storico nel quale maturò quell'accordo, ed a farlo sarà, alle ore 11, il professor Giuseppe Zorzi. Seguiranno l'intervento del presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti, quello del presidente del Consiglio delle autonomie locali della provincia di Trento Paride Gianmoena e del presidente della Provincia autonoma di Trento Ugo Rossi.

Alle 11.30 l'atteso intervento del Ministro degli esteri Paolo Gentiloni.

Per consentire ad un maggior numero di cittadini di seguire i momenti principali delle due giornate, la Provincia ha predisposto un collegamento in diretta streaming sia domenica pomeriggio a partire dalle ore 16 della cerimonia di consegna simbolica al popolo trentino dell'Aquila di San Venceslao e della successiva presentazione da parte del presidente del Consiglio provinciale Bruno Dorigatti della Consulta per il Terzo Statuto, sia dell'intera cerimonia di lunedì mattina 5 settembre. 

(cz)


Immagini