Giovedì, 27 Gennaio 2022 - 18:52 Comunicato 212

Vertice con il vicepresidente Tonina e l'assessore Spinelli. Giunta al lavoro per ridurre il peso delle bollette
Caro-energia, la Provincia incontra Cgil, Cisl e Uil

Confronto in Provincia oggi con i sindacati sul caro-bollette. Il vicepresidente della Provincia autonoma Mario Tonina, l'assessore allo sviluppo economico, ricerca e lavoro Achille Spinelli, il direttore generale Paolo Nicoletti assieme a Roberto Andreatta, dirigente generale del Dipartimento territorio, energia e cooperazione e a Laura Pedron, dirigente generale del Dipartimento sviluppo economico, ricerca e lavoro hanno incontrato Andrea Grosselli, Michele Bezzi e Walter Alotti, segretari rispettivamente di Cgil, Cisl e Uil.
Un momento del confronto tra Provincia e i sindacati della Cgil, Cisl e Uil per il caro energia (in fondo al tavolo Achille Spinelli assessore provinciale allo sviluppo economico ricerca e lavoro e Mario Tonina vicepresidente della Giunta provinciale assessore all’ambiente urbanistica e cooperazione. Di seguito Paolo Nicoletti direttore generale della Provincia Autonoma di Trento) [ Archivio Ufficio stampa PAT]

I sindacati hanno domandato un intervento a favore delle famiglie attraverso un adeguamento del welfare provinciale all'inflazione e interventi sull'addizionale regionale Irpef nonché sul costo dell'energia.
Il vicepresidente Tonina, l'assessore Spinelli e il direttore generale Nicoletti hanno sottolineato l'importanza del confronto avviato oggi e hanno chiarito in che direzioni la Provincia si sta già muovendo.
Sul piano operativo, la Provincia autonoma sta verificando alcune possibili azioni per ridurre il peso del caro-energia sulle famiglie. Lo strumento potrebbe essere il disegno di legge sull'addizionale Irpef approvato in Giunta e che inizierà il suo iter in Consiglio provinciale a marzo. Piste di lavoro riguardano una rimodulazione dell'addizionale Irpef per ridurre la tassazione a una platea più ampia di famiglie, un intervento sull'Assegno unico provinciale, il dialogo con le società energetiche provinciali per verificare se vi sia spazio per un loro intervento a favore delle famiglie.
La Provincia sta verificando poi la possibilità di sostenere, come già fatto in passato, i privati che investono nelle rinnovabili e interventi per aiutare anche le imprese alle prese col caro-bollette.
Il vicepresidente Tonina ha evidenziato come "l'incontro sia stato utile per raccogliere indicazioni e suggerimenti su di un tema che ha un impatto importante su famiglie e imprese. Le soluzioni non sono facili da trovare, ma il nostro sforzo va nella direzione di trovarle per aiutare in particolare i soggetti più fragili". Per l'assessore Spinelli "accanto all'intervento statale, è importante che come Autonomia ci attiviamo con gli strumenti che abbiamo per aiutare famiglie e imprese". Il direttore generale Nicoletti ha chiarito come "al fine di intervenire in maniera corretta, serve comprendere se si tratterà di impiegare risorse per un sostegno una tantum o se il caro energia durerà più a lungo: in questo caso serviranno misure di maggior durata".

(ac)


Immagini