Comunicato 299 Economia e attività produttive Lavoro, occupazione e sicurezza

Mercoledì, 24 Febbraio 2016 - 16:36

Approvata dal Consiglio provinciale la nuova legge
Appalti: meno burocrazia, più attenzione alle imprese e alle tutele dei lavoratori

“Partecipare alle gare in Trentino sarà più semplice e meno oneroso, conterà in misura maggiore la qualità a discapito del prezzo, ci saranno meno subappalti e più appalti, sarà riconosciuto e valorizzato il ruolo dei professionisti ed aumenteranno le tutele dei lavoratori e la sicurezza”. Cosi l’assessore provinciale Mauro Gilmozzi riassume le principali novità della nuova disciplina in materia di appalti, approvata stamane in Consiglio provinciale al termine dell'esame del testo articolato e condivisa anche da una parte delle minoranze.

“Con questa nuova normativa – ha commentato Gilmozzi – diamo risposta ad un’esigenza che ci era stata rappresentata dalle categorie economiche ed in particolare dalle imprese artigiane. Negli appalti relativi alle opere pubbliche - ha spiegato l’assessore - conterà l'offerta economica più vantaggiosa e non il massimo ribasso. Negli appalti di beni e servizi, la qualità complessiva del servizio sarà l'elemento decisivo per l'aggiudicazione, mentre è destinato a sparire il criterio del prezzo”. “Si tratta di un lavoro – ha concluso l'assessore Gilmozzi – frutto del dialogo e del confronto fra tutti i soggetti interessati, per il quale vorrei ringraziare il Tavolo degli appalti e tutti i collaboratori che hanno lavorato al testo”.

In allegato slide illustrative della nuova legge

(fm)


Potrebbe interessarti

Il nuovo polo espositivo di Trento, che sostituirà il CTE, sarà realizzato presso l’area ex Italcementi. Lo prevede il programma di attività 2017-2019 di Patrimonio del Trentino, approvato nella riunione di ieri dalla Giunta provinciale con un provvedimento proposto dal presidente Ugo...