Giovedì, 12 Settembre 2019 - 16:16 Comunicato 2158

Alpine Forum on Smart Industry
40 aziende presenti all’evento promosso da HIT sulla digitalizzazione delle imprese nelle regioni alpine

Grande partecipazione ed interesse da parte degli attori economici e produttivi per Alpine Forum on Smart Industry,

L'incontro – organizzato da HIT-Hub Innovazione Trentino e promosso dall’iniziativa europea EUSALP - svoltosi nella mattinata di giovedì 12 settembre 2019 a Rovereto, è stato un’occasione di confronto tra imprese ed esperti dell'innovazione per tracciare insieme le future linee di azione sulla trasformazione digitale e approfondire le strategie messe in campo per lo sviluppo delle piccole e medie imprese nell'area alpina, in particolare in quella trentina.

Ad aprire il programma della giornata sono stati l’ Assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca e Lavoro della Provincia Autonoma di Trento Achille Spinelli, il presidente di Confindustria Trento Fausto Manzana, e il presidente di HIT Paolo Girardi, a cui sono seguiti importanti approfondimenti e testimonianze portati da rappresentanti di realtà imprenditoriali internazionali quali Electrolux, Schneider Electric e Skorpion Engineering, ma anche da imprese trentine che si sono distinte per aver avviato processi di digitalizzazione e innovazione ad alto contenuto tecnologico, come ad esempio Zanetti srl di Pergine Valsugana e Agraria di Riva del Garda.

Dai dibattiti sono emersi tre considerazioni strategiche condivise: la prima riguarda l'innovazione e la digitalizzazione come necessità fondamentali per dare prospettiva al business delle imprese, in particolar modo a quelle più piccole e collocate in territori montani. La seconda riguarda il ruolo sempre più centrale del Digital Innovation Hub, uno strumento ideato da HIT e Confindustria Trento, che consente di valutare direttamente con la singola azienda il grado di innovazione e maturità digitale dei suoi processi produttivi. Il terzo aspetto, nell’ambito di un’economia come quella trentina, è fortemente connesso al valore aggiunto che il contesto ambientale e la qualità della vita offrono a chi intende sviluppare attività di impresa e business nel nostro territorio.

L'approccio efficace portato avanti dalla Provincia di Trento e dai soggetti coinvolti è quello di 'fare sistema', dichiara Achille Spinelli, Assessore allo Sviluppo Economico, Ricerca e Lavoro della Provincia Autonoma di Trento, segnalando come “l’evento di oggi porta stimoli e testimonianze per trasmettere alle imprese un messaggio di fiducia e apertura verso l’innovazione e la trasformazione digitale. In questo senso l’innovazione può essere un fattore determinante per il rilancio della competitività delle imprese delle regioni alpine soprattutto pensando alle piccole e microimprese nelle aree periferiche, perché lo sviluppo economico di un territorio passa anche attraverso la capacità delle proprie imprese di creare occupazione di qualità e prodotti e servizi competitivi anche cooperando con altre imprese delle regioni alpine vicine”.

“Il processo di introduzione di tecnologie digitali nei processi produttivi delle imprese trentine è fondamentale, aggiunge Fausto Manzana Presidente di Confindustria Trento. “L’ambiente è uno dei valori aggiunti del territorio, ma senza un forte processo di valutazione digitale, le imprese rischiano di incontrare difficoltà nel competere sui mercati sempre più global. In questo contesto, il Digital Innovation Hub trentino, promosso da Confindustria e HIT, andrà ad intensificare le attività di supporto alle aziende interessate ad intraprendere questo percorso, ormai necessario e ineludibile”.

All'interno della strategia macroregionale EUSALP, che riunisce 48 regioni e 7 paesi dell’arco alpino, HIT è alla guida del gruppo sulla Digital Industry, “proprio per favorire il passaggio efficace delle tecnologie sviluppate dai centri di ricerca del territorio verso le imprese trentine, anche attraverso la messa a disposizione di tecnologie, laboratori e competenze”, così dichiara Paolo Girardi, Presidente di Hub Innovazione Trentino.

Un ultimo tema molto rilevante affontato nel corso della mattinata riguarda “Digital Europe”, nuovo programma di finanziamento europeo per il settore, che prevede un investimento significativo in cinque aree di attività: intelligenza artificiale, cybersicurezza, supercomputer, utilizzo delle tecnologie digitali nell'economia e nella società e infine sviluppo delle competenze digitali.

(bg)


Immagini