Domenica, 13 Ottobre 2019 - 18:47 Comunicato 2569

Vespa, un fenomeno di innovazione

In assoluto primo marchio della globalità, che ha superato la sua funzione di essere un mezzo elegante per il commuting diventando un vero e proprio simbolo dello stile italiano. Un fenomeno tutto “made in Italy” che non poteva mancare all’interno del Festival dello Sport di Trento, non a caso quest’anno intitolato a “Fenomeno/Fenomeni”. Ma è anche un fenomeno d’innovazione, perché ha saputo nell’arco di 73 anni interpretare il trasferimento tecnologico e il cambiamento sociale, rimanendo sempre al passo con i tempi. Allo Sport Tech District, l’espressione dell’ecosistema territoriale di sport e innovazione coordinato da Trentino Sviluppo, il giornalista Matteo Dore ne ha parlato con Marco Lambri, responsabile del Centro Stile Gruppo Piaggio e l’attrice Cristiana Capotondi. Prima un Vespatour per le vie di Trento, poi la chiacchierata con il pubblico dopo aver parcheggiato le Vespa davanti al Muse.

Dichiara di averla sempre utilizzata, la Vespa, Cristiana Capotondi, fin da ragazza. E ricorda anche il grande senso di libertà e un simbolo di emancipazione femminile assoluto, lei che è anche vicepresidente della Lega Pro di calcio femminile. “La donna che nel secondo post dopo guerra lavorava e si muoveva sulle due ruote. – ha detto l’attrice -  Vespa ha guidato rivoluzioni di costume, musicali, giovanili ha accompagnato paesi e continenti nella loro crescita, li ha fatti correre nelle fasi di benessere economico”.

“Una piccola vettura a due ruote, quasi, che si contrapponeva alle prime auto Fiat” – ha continuato Marco Lambri responsabile del Centro Stile Gruppo Piaggio – “più dinamica, snella, ed anche economica rispetto alle automobili. Vespa nasce come veicolo innovativo in tutti i sensi, ma lo è stato anche nel comunicarsi e nel vendersi, creando slogan per ogni epoca che ha attraversato e pubblicità ad hoc per essere interpretate in un concetto di libertà sempre diverso. Negli anni 70, uno slogan visionario “Chi Vespa mangia le mele”, poi l’incrocio con la musica, Vasco Rossi ad iniziare fino a Cesare Cremonini. Per non parlare del cinema: Caro Diario, la Dolce Vita, I Soliti Ignoti, Ladro Lui e Ladra Lei, Poveri ma belli, 007, American Graffiti e molte altre pellicole memorabili che hanno voluto immortalare questo simbolo del “made in Italy”.

Da sempre portatrice di valori positivi ma con uno sguardo rivolto al futuro, Vespa non ha mai rinnegato lo stile e le origini italiane. Tanto che è un prodotto venduto in tutto il mondo. “La forza della tradizione, ma continuando ad innovarsi – ha aggiunto la Capotondi – per me è metafora di ciò che va conservato e accompagnato verso il futuro, un prodotto culturale e sociale di casa nostra”.

 

 

Vespa in tutta la sua storia e in più di 150 modelli, ha sempre rappresentato lo stato dell’arte della tecnologia. Caratterizzata da un avanzatissimo concetto di carrozzeria portante, completamente costruita in acciaio, Vespa ha segnato l’evoluzione della mobilità individuale. Oggi le Vespa più recenti, dotate di motorizzazioni e soluzioni elettroniche di supporto alla guida di avanguardia, rappresentano la sintesi stilistica di una storia che ha reso immortale questo brand rendendolo simbolo di libertà e icona dell’eleganza italiana.

Esiste poi anche il mondo dei club e delle gite “in Vespa”, “vespa raduni” appunto, nati proprio con lo scopo di stare insieme e divertirsi.  “Certo, non tutti i veicoli possono vantare questo popolo di appartenenza, una comunità legata a valori radicati di condivisione – ha detto Marco Lambri - “è bello vedere come possono stare insieme Vespe del passato e Vespe del presente, uomini, donne, giovani e meno giovani, in tutto il Paese”.

In tutti questi anni Vespa non si è mai snaturata, ma si è sempre fatta interprete di un movimento a due ruote che ha saputo cogliere le innovazioni più recenti. Oggi la Vespa è anche elettrica, elegante e smart, silenziosa e a emissioni zero con un cuore green e sostenibile.

 

http://www.investintrentino.it/sporttechdistrict

 

Seguici anche su Facebook https://www.facebook.com/events/2551088051780941/

(sg)


Immagini