Venerdì, 03 Dicembre 2021 - 18:52 Comunicato 3502

Domani alle 6 del mattino il via alla maratona nei centri di somministrazione
Vaccino, seconda dose per il presidente Fugatti e l'assessore Gottardi e terza per il vicepresidente Tonina

Scatta domani alle 6 del mattino la maratona anti-Covid, che prevede la possibilità di somministrare 100mila dosi di vaccino in cinque giorni, fino all'8 dicembre, dalle 6 a mezzanotte in tutti i centri di somministrazione del territorio e nei punti prelievo degli ospedali. Ad oggi sono circa 53mila i cittadini maggiorenni che si sono iscritti attraverso il portale Cup online, ma va detto che tutti i giorni a partire dalle 14 sarà possibile accedere ai centri vaccinali senza prenotazione (eccetto negli ospedali e nelle Rsa). “Oltre ai sanitari e ai dipendenti della Provincia che si sono messi a disposizione per questa iniziativa, ringrazio tutti i volontari che scenderanno in campo, con gli Ordini dei medici, degli infermieri e dei farmacisti, i Nuvola, la Croce Rossa, il Soccorso alpino, i Vigili del fuoco volontari e tutto il mondo della Protezione civile” sono state le parole del presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, che in mattinata ha ricevuto la seconda dose di vaccino assieme all’assessore Mattia Gottardi, mentre il vicepresidente Mario Tonina ha avuto la terza dose dando simbolicamente il via all’iniziativa.
Il presidente Maurizio Fugatti riceve la terza dose di vaccino [ Archivio Ufficio stampa PAT]

L’esecutivo provinciale ha ricordato i dettagli dell’operazione e ha lanciato l’appello a partecipare alla maratona vaccinale nel corso della conferenza stampa che si è tenuta all’interno del Centro operativo della Protezione civile a Lavis, dove sono state allestite le postazioni del nuovo centro vaccinale. All’incontro con la stampa erano presenti anche il direttore generale facente funzione dell’Azienda provinciale per i servizi sanitari Antonio Ferro, la direttrice dell’Igiene pubblica dell’Apss Maria Grazia Zuccali e i rappresentanti degli ordini che collaborano in maniera convinta a questa iniziativa (il presidente dell’Ordine dei medici Marco Ioppi, la vicepresidente dell’ordine delle professioni infermieristiche Nicoletta De Giuli e la presidente dell’Ordine dei farmacisti Tiziana Dal Lago).
In mattinata il presidente e la Giunta avevano compiuto un sopralluogo, accompagnati dal sindaco di Lavis Andrea Brugnara, dal commissario della Comunità Rotaliana Koenigsberg Gianluca Tait e dall’assessore regionale Lorenzo Ossanna.
“Questa maratona vaccinale è un'operazione fondamentale per mettere in sicurezza la popolazione e affrontare la stagione invernale turistica” ha detto l'assessore alla salute Stefania Segnana, che ha parlato delle forze scese in campo come “un esempio di come la comunità trentina si sia unita per il bene di tutti”. “Il Trentino deve dimostrare di potercela fare, dobbiamo essere un esempio per tutto il Paese, raggiungendo l’obbiettivo di somministrare in 5 giorni i vaccini che avremmo altrimenti garantito alla popolazione in tre mesi” ha concluso il direttore facente funzione dell'Apss, Antonio Ferro.

(ab)


Immagini