Comunicato 488 Lunedì, 19 Marzo 2018 - 13:38

Approvato lo schema di un protocollo operativo, a breve la firma
Soccorso sul Lago di Garda, rafforzata la collaborazione

La condivisione delle informazioni sulle richieste di soccorso ricevute e sui mezzi disponibili, la possibilità per soggetti diversi di intervenire in uno stesso punto, una precisa definizione delle funzioni di coordinamento, direzione tecnica, allertamento, collegamento e delle procedure da seguire nei diversi scenari che si possono verificare: sono i principali aspetti regolati dal “Protocollo operativo per gli interventi di soccorso sul Lago di Garda” che è stato approvato dalla Giunta provinciale su proposta dell’assessore alla Protezione civile Tiziano Mellarini. Sarà firmato da tutti gli enti coinvolti a vario titolo nelle attività di soccorso sul lago e in quelle che ne conseguono, come per esempio le indagini.

Il protocollo, risultato di approfondimenti e di un ampio confronto ai tavoli di lavoro, prevede in particolare: la condivisione delle informazioni tra tutti i soggetti attivi negli scenari di soccorso, per un impiego efficiente ed efficace delle risorse disponibili; l’identificazione delle tipologie degli eventi di soccorso lacuale; la definizione delle competenze di coordinamento e direzione tecnica e le principali regole di intervento; la costituzione di una commissione paritetica che comprenda i tre Comandi provinciali dei Vigili del fuoco e la Guardia costiera, come luogo di confronto sull’attività in corso e sull’attuazione del protocollo stesso.
Considerate le diverse competenze per territorio e per specialità che vengono esercitate sul Lago di Garda, sono numerosi infatti i soggetti coinvolti dal protocollo operativo: la Prefettura di Verona e quella di Brescia; il Commissariato del Governo per la Provincia di Trento; il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia costiera – Direzione marittima di Venezia, che ha una sede a Salò; il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco – Direzione Interregionale per il Veneto e Trentino Alto Adige – Direzione Regionale per la Lombardia – Comando provinciale di Verona – Comando provinciale di Brescia; la Provincia autonoma di Trento – Corpo permanente dei Vigili del Fuoco di Trento; con il concorso delle Questure e dei Comandi provinciali dei Carabinieri e della Guardia di Finanza di Verona, Brescia e Trento.
In tema di collaborazione e coordinamento negli interventi di soccorso da effettuare nelle acque interne del Lago di Garda sono state realizzate negli ultimi anni - dal 2005 in poi le più significative - varie iniziative come protocolli e convenzioni.
Lo sviluppo della collaborazione operativa in questo settore è considerato un’esperienza positiva in termini di efficacia degli interventi e rappresenta un obiettivo condiviso da sviluppare in modo coordinato. Per questo si è voluto redigere un nuovo protocollo operativo che sostituisca i precedenti tenendo conto dell’articolato quadro normativo e organizzativo attuale. Hanno infatti competenza territoriale sulle acque del Garda tre diverse Regioni e in particolare le Province di Verona, Brescia e Trento, quest’ultima in particolare con un assetto peculiare con riferimento allo statuto speciale e alle connesse norme di attuazione. Sotto il profilo operativo e tecnico operano strutture dello Stato appartenenti a diverse amministrazioni: il Corpo nazionale dei vigili del fuoco (Ministero dell’Interno) cui competono le attività di soccorso tecnico, il Corpo delle Capitanerie di porto-Guardia costiera (Ministero della Difesa e delle Infrastrutture e trasporti) cui compete il coordinamento del soccorso anche nelle acque interne, le Prefetture, in Trentino il Commissariato del Governo, che sovrintendono all’ordine pubblico attraverso le varie forze (Polizia, Carabinieri e Guardia di finanza), coordinano le attività di ricerca di persone scomparse e concorrono a livello locale alle attività di protezione civile.
Inoltre in capo alle Regioni sono allocate le funzioni di protezione civile, le attività sanitarie e nel caso della Provincia autonoma di Trento anche quelle di soccorso tecnico urgente, assicurate attraverso il concorso del Corpo permanente dei Vigili del Fuoco e dei Corpi dei Vigili del Fuoco volontari, nel caso particolare quelli dei comuni che si affacciano sul lago.

(lr)


Potrebbe interessarti

Venerdì, 11 Dicembre 2015

Trentino Comunità n.50

Il cardinale Bagnasco al Festival della famiglia - Il 30° Rapporto sull’occupazione in Trentino - Celebrata Santa Barbara, patrona dei vigili del Fuoco - I forestali sulle piste in sei aree del territorio provinciale - Al via la stagione dello sci ma attenzione al pericolo di incen

Ascolta
Venerdì, 13 Novembre 2015

Trentino Comunità n.46

Approvata dalla Giunta la manovra di bilancio 2016 - Mai così tanti turisti nell'estate trentina - Finanza locale: un patto per lo sviluppo tra comuni e provincia - Terremoto 2012, firmato l’accordo di collaborazione con il comune di Novi di Modena

Ascolta
Venerdì, 06 Novembre 2015

Trentino Comunità n.45

I 25 anni del “Progettone” - Il quadro dell'offerta scolastica ed educativa provinciale - Terremoto del 2012: un accordo di collaborazione con il comune di Novi di Modena - "Lezioni di storia": ci si sposta a Rovereto

Ascolta