Comunicato 2875 Venerdì, 27 Ottobre 2017 - 15:30

Un ulteriore importante tassello per l’attuazione di percorsi di alternanza di qualità
Scuola-lavoro: approvate le linee guida per la valutazione dei percorsi

L’approvazione della legge sulla “Buona Scuola” ha sancito, tra le novità, l’obbligatorietà dei percorsi scuola-lavoro nella scuola secondaria di secondo grado, quantificandone il monte orario obbligatorio nel triennio in almeno 400 ore nei professionali e nei tecnici e almeno 200 ore nei licei. La nuova normativa ha inoltre inserito l’alternanza nei Piani triennali dell’offerta formativa dei singoli istituti, rendendo tale attività condizione obbligatoria per l’ammissione all’esame di Stato. Si è reso pertanto necessario definire delle Linee guida unitarie da fornire alle istituzioni scolastiche per ciò che riguarda la valutazione degli apprendimenti acquisiti dagli studenti nelle attività di alternanza. Il provvedimento approvato oggi dalla Giunta fissa questi indirizzi e costituisce dunque un ulteriore importante riferimento pedagogico didattico per l’attuazione, nella scuola trentina, di percorsi di alternanza di qualità.

Le Linee guida sono indicazioni operative rivolte alle scuole che uniformano i criteri di valutazione delle esperienze di tirocinio curriculare realizzate in alternanza scuola-lavoro. Nello specifico, nel documento, vengono dettagliati gli oggetti della valutazione, le competenze, gli attori coinvolti in tale processo, cercando di evidenziarne i ruoli e le modalità di valutazione, sottolineando la necessità di un atteggiamento aperto e al contempo rigoroso rispetto all’atto del valutare. Il documento presenta inoltre una gamma di strumenti di verifica e valutazione, mettendone in luce le caratteristiche essenziali, descrivendone i tratti e la funzione, oltre alle modalità di documentazione e di certificazione degli apprendimenti e delle competenze acquisite in alternanza.

La valutazione degli apprendimenti in alternanza tiene conto di più dimensioni perché è riferita a un processo articolato che coinvolge più fattori. Il momento valutativo assume così un carattere nuovo: se da un lato si tratta di verificare e valutare le competenze disciplinari e trasversali acquisite nel percorso di alternanza, confrontandole e integrandole con i Piani di studio di Istituto, dall'altro occorre considerare e valorizzare aspetti della formazione degli studenti che l'esperienza dell'alternanza può favorire. 

Il nuovo concetto di alternanza si prefigge infatti  non solo di superare l'idea di disgiunzione tra momento formativo ed operativo, ma si pone l'obiettivo più incisivo di accrescere la motivazione allo studio e di guidare i giovani nella scoperta delle vocazioni personali, degli interessi e degli stili di apprendimento individuali, arricchendo la formazione scolastica con l'acquisizione di competenze maturate "sul campo". Tale condizione garantisce un vantaggio competitivo rispetto a quanti circoscrivono la propria formazione al solo ambito teorico, offrendo nuovi stimoli all'apprendimento e valore aggiunto alla formazione della persona. 

Per poter permettere una valutazione a 360 gradi la valutazione dell’alternanza rimane in capo alle Istituzioni scolastiche, ma coinvolge direttamente anche i partner esterni che vi possono contribuire a diverso titolo. In particolare, il ruolo del tutor esterno/aziendale è centrale nell'acquisizione e nella valutazione dei dati osservabili durante il tirocinio, sia perché è la figura che accompagna e osserva lo studente “in situazione”, sia perché offre la prospettiva del mondo del lavoro, quindi un punto di vista “altro” rispetto a quello scolastico, nel rilevare e dare valore agli elementi che fonderanno il giudizio.

Con il documento approvato oggi, particolare attenzione viene riservata infine  alla valutazione dei percorsi dedicati a studenti con Bisogni Educativi Speciali. In base alle Linee guida questi percorsi e la rispettiva valutazione dovranno essere articolati in coerenza con il PEI dello studente, secondo criteri di gradualità e progressività, anche in considerazione dello sviluppo personale e dell’autonomia della persona.

Immagini

(c.ze.)


Potrebbe interessarti

ATTUALITÀ E CRONACA , SCUOLA
Venerdì, 23 Febbraio 2018

FEM-Weinsberg, 37 anni di collaborazione e 467 studenti trentini gemellati

Una delegazione della Fondazione Edmund Mach, guidata dal direttore generale, Sergio Menepace, è intervenuta oggi in Germania, per la cerimonia dei 150 anni di fondazione dell'Istituto di Weinsberg. Con questa scuola che si trova nel cuore del Württemberg, zona di rinomata vocazione...

Leggi
SCUOLA
Venerdì, 16 Febbraio 2018

Mobilità studentesca: approvate le linee guida per la valutazione degli studenti

La Provincia autonoma di Trento sostiene e promuove la mobilità studentesca internazionale riconoscendone l’alto valore educativo e formativo. Per garantire omogeneità nella gestione delle varie fasi della mobilità in vista del rientro dello studente dopo il periodo di studio...

Leggi
CULTURA , SALUTE
Giovedì, 15 Febbraio 2018

Genoma umano. Quello che ci rende unici

Perché le persone sono tutte diverse? Da dove provengono i talenti? Perché c’è chi invecchia in modo invidiabile e chi, purtroppo, no? Perché la vita ha un termine biologico e come possiamo prevenire le malattie? Dal 24 febbraio 2018 al MUSE- Museo delle Scienze di Trento, la mostra...

Leggi
Mercoledì, 09 Dicembre 2015

Paletta, A. (2015). Conclusions of the “Leadership for Learning” project in the Autonomous Province of Trento:what we have learned and education po...

Estratto – L’articolo conclusivo dello special issue da una serie di indicazioni operative derivanti dagli esiti della ricerca sulla Leadership per l’Apprendimento realizzata nelle scuole della Provincia di Trento. Vengono presentate le  possibili ricadute a livello dello...

Leggi
Mercoledì, 09 Dicembre 2015

Bezzina, C. (2015). Learning more about leadership that makes a difference: lessons learned in the field. (pp. 213-226)

Estratto – Questo articolo esplora l’importanza di una leadership che è autentica per natura. In un contesto determinato da obiettivi fissati, per la fretta di ottenere particolari risultati, spesso c’è solo un focus sulla performatività risultante in un contesto in cui...

Leggi
Mercoledì, 09 Dicembre 2015

Bezzina, C., Paletta, A. & Alimehmeti, G. (2015). Observation of head teachers in the field: administrative, management and leadership issues. (pp....

Estratto – Questo articolo presenta il metodo basato sull’osservazione partecipativa quale dispositivo di ricerca utile a migliorare la nostra comprensione del lavoro dei dirigenti scolastici. L’applicazione di questo metodo ha fornito un ritratto realistico di come un gruppo di...

Leggi
Emigrazione , Famiglia
Mercoledì, 28 Giugno 2017

Trentino Comunità n.24

Festa provinciale dell'Emigrazione dal 6 al 9 luglio - Progettone: 350 posti di lavoro in più nel 2017 - Due corsi di alta formazione professionale post diploma - Contributi della Provincia per la formazione post-diploma

Ascolta
Venerdì, 23 Giugno 2017

Trentino Comunità n.23

In arrivo l'assegno unico provinciale: un nuovo welfare di comunità - Agenzia del Lavoro: aperte le iscrizioni ai gruppi di sostegno attivo alla ricollocazione - Da sabato 24 giugno entrano in vigore gli orari estivi del servizio extraurbano e della Trento-Malè - Scuola dell'infanzia: sono...

Ascolta
Giovedì, 20 Aprile 2017

Trentino Comunità n.14

Politiche di conciliazione famiglia-lavoro: firmato l'accordo volontario di area - Contributi per la riqualificazione energetica: attivo il nuovo bando - Frutticoltura, tre milioni per le strutture di conservazione - Spirale investe nello stabilimento di Cinte Tesino: 35 nuove assunzioni

Ascolta