Mercoledì, 05 Gennaio 2022 - 18:12 Comunicato 25

Il presidente Fugatti sulla Conferenza Stato-Regioni: accolte molte nostre richieste. Contrari alla Dad solo per i non vaccinati
Scuola, la Provincia annuncia la ripresa delle lezioni da venerdì 7 gennaio

Le scuole trentine che hanno previsto nel proprio calendario scolastico la ripresa delle lezioni questo venerdì riapriranno. E le altre lo faranno dal 10 gennaio. Lo conferma il presidente della Provincia autonoma Maurizio Fugatti dopo la conclusione della Conferenza Stato-Regioni tenutasi oggi pomeriggio prima del Consiglio dei ministri.
La sede della Provincia autonoma di Trento [ Archivio Ufficio stampa PAT]

"E' importante che le scuole possano proseguire in presenza - sottolinea il presidente - Come richiesto dalle Regioni, solo se si verificheranno contagi nelle scuole si attiverà la Dad". L'amministrazione provinciale intende quindi dare un messaggio alle famiglie e agli studenti trentini in modo tale che si possano organizzare. "Le scuole in Trentino venerdì riaprono, secondo le modalità consuete - sottolinea il presidente Fugatti - Questo è il messaggio che vogliamo mandare alle famiglie e agli studenti trentini". A riaprire saranno tutte le scuole dell'infanzia, nonché le primarie di primo grado e le secondarie di primo e secondo grado che hanno deciso di riprendere l'iter scolastico da venerdì 7 gennaio. Le altre riapriranno la prossima settimana.
Rispetto alla Conferenza Stato-Regioni, la Provincia autonoma esprime invece contrarietà per la decisione prospettata dal Governo nazionale di prevedere alle scuole superiori la Dad per i non vaccinati una volta raggiunta una certa quota di contagi. "Non siamo d'accordo non perché siamo contro il vaccino, ma il tema è che riuscire a organizzare le lezioni per una parte in Dad e una parte in presenza è difficile e rischia di discriminare dal punto di vista scolastico. Abbiamo chiesto quindi al Governo di andare in Dad per tutti o per nessuno dopo una quota di contagi all'interno della classe".

L'intervista al presidente Fugatti: 

 

(ac)


Immagini