Venerdì, 06 Maggio 2022 - 15:10 Comunicato 1237

Riguardano il periodo di vigenza del vincolo di destinazione
Rsa, approvati i criteri per l’alienazione di immobili

Approvati i criteri per alienare gli immobili destinati a RSA o ad altri servizi sociosanitari durante il periodo di vigenza del vincolo di destinazione. Lo ha stabilito oggi la Giunta provinciale, su proposta dell'assessore alla salute, politiche sociali, disabilità e famiglia, Stefania Segnana: Con la manovra di bilancio di quest'anno è stata introdotta questa possibilità rivolta agli enti che hanno beneficiato di contributi provinciali per questa tipologia di immobili. Questo vincolo ha una durata di 25 anni nel caso di contributo d'importo superiore a 200 mila euro o di 10 anni se inferiore. Con questa deliberazione, acquisito anche il parere della competente commissione consiliare, l'assessorato ha individuato le modalità e le condizioni per il recupero, anche parziale, del finanziamento corrisposto.
Stefania Segnana (assessore provinciale alla salute famiglia e politiche sociali) [ Archivio Ufficio stampa PAT]

I criteri disciplinano le modalità attraverso le quali la Giunta provinciale può rilasciare l’autorizzazione all’alienazione dell’immobile e come quantificare l’importo che l’ente deve restituire alla Provincia.
In primo luogo è necessario valutare la coerenza dell’operazione con la programmazione sanitaria, sociosanitaria e socio-assistenziale provinciale.
Per quanto riguarda l'importo da recuperare, i criteri prevedono che venga determinato prendendo a riferimento la spesa rendicontata e proporzionando la stessa al tempo residuo di sussistenza del vincolo decennale o venticinquennale.
Infine non si procede al recupero del contributo nel caso di alienazione a titolo gratuito a favore di un ente pubblico o nel caso in cui l’importo da recuperare sia inferiore a 1.000 euro.

(at)


Immagini