Martedì, 09 Maggio 2017 - 10:40 Comunicato 1087

Nel frattempo diverse famiglie con bambini sono arrivate all'hub di via al Desert
Profughi, operativa la “residenza Adige” in località Vela a Trento

Una ventina di richiedenti protezione internazionale è entrata lunedì 8 maggio 2017 nella “residenza Adige” in località Vela a Trento. I migranti sono arrivati dalla “residenza Fersina” di via al Desert, nel capoluogo. Per i profughi accolti in località Vela proseguiranno tutte le attività previste dal progetto, compreso naturalmente l'apprendimento della lingua e della cultura italiana e delle regole delle comunità. Come avviene per tutti i richiedenti asilo in Trentino, i migranti saranno costantemente seguiti dalla rete dell'accoglienza coordinata dalla Provincia autonoma di Trento. La residenza Adige, in particolare, sarà seguita 24 ore su 24 dagli operatori della Croce Rossa Italiana – Comitato provinciale di Trento.

Gli interni della struttura sono dotati di cucina, consentendo quindi la preparazione autonoma dei pasti da parte dei migranti accolti. Le nazionalità dei richiedenti asilo entrati alla residenza Adige (in 7 appartamenti) appartengono in larga parte all'area subsahariana (Gambia, Guinea, Nigeria, Senegal, Mali, Burkina Faso), mentre circa un quarto dei profughi presenti in struttura è di nazionalità pakistana e in un caso iraniana.
Due pullman di migranti, in gran parte famiglie con bambini (anche un bimbo nato il 1° maggio) sono arrivati invece all'hub di pronta accoglienza di via al Desert. Si tratta di profughi soccorsi nei giorni scorsi nel Mediterraneo. I pullman, giunti direttamente da Siracusa e Agrigento, sono arrivati nel primo pomeriggio dell'8 maggio presso la struttura. All'hub di via al Desert tutti i migranti, fra i quali tante mamme con i propri figli (anche un papà) hanno trovato subito conforto in un primo pasto in serenità e, soprattutto, nell'abbraccio degli operatori della rete dell'accoglienza.

(ac)


Immagini