Venerdì, 22 Giugno 2018 - 17:56 Comunicato 1563

Al Parco delle Terme di Levico mercoledì 27 giugno alle ore 21
Max De Aloe Quartet apre "Parco di note"

Presso il Parco delle Terme di Levico, mercoledì 27 giugno ad ore 21.00 primo appuntamento musicale con il concerto del Max De Aloe Quartet che si inserisce nell’ambito di Vivere il Parco, iniziativa realizzata dal Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale della Provincia autonoma di Trento. Un itinerario musicale tra generi e stili diversi. Concerti pensati per portare i suoni fra gli alberi ed i fiori del parco, dove la musica viene proposta in piena sintonia con l’ambiente naturale circostante.

Max De Aloe Quartet presenterà al Parco delle terme di Levico Björk on the moon.

Un progetto musicale affascinante, visionario ed eclettico quello che vede questo affiatatissimo quartetto di jazz affrontare le composizioni dell’universo musicale di Björk, artista a tutto tondo in grado di sorprendere come cantante, musicista, compositrice e perfino come attrice.

Björk e la sua musica sospesi tra generi così diversi tra loro da sembrare inconciliabili vengono ridisegnati in questo progetto che abbraccia un jazz contemporaneo che sorprenderà l’ascoltatore anche meno avvezzo sia al jazz, sia alla musica della cantante islandese.

Björk on the moon ha quel fascino e quella magia che da sempre accompagnano i progetti musicali di Max De Aloe e del suo quartetto.

Il quartetto con Olzer, Mistrangelo e Stranieri è un gruppo stabile da più di dieci anni con il quale si sono realizzati diversi cd (Lirico incanto, Bradipo, Bjork on the moon, Road Movie e Borderline) e centinai di concerti.

Il quartetto ha vinto l'Orpheus Awards 2015 con il CD Borderline per la sezione jazz. Inoltre a Max De Aloe è stato assegnato il Jazz It Awards indetto dalla rivista Jazzit come migliore musicista italiano del 2014, 2015 e 2016 nella categoria riservata agli strumenti vari (viola, violoncello, armonica, banjo, arpa, mandolino. ecc.).

Il progetto è presente anche in un CD e in un LP editi da AbeatRecords (Björk on the moon – ABJZ 105).

Personaggio istrionico e carismatico, Max De Aloe ha saputo ritagliarsi un ruolo a sé stante all’interno della scena jazz contemporanea italiana grazie a progetti musicali sempre coinvolgenti in una commistione di arti e generi. Inoltre è considerato dalla stampa specializzata tra i più significativi armonicisti jazz in Europa con circa cinquanta CD al suo attivo, di cui 13 come leader, e prestigiose collaborazione con musicisti internazionali.

Max De Aloe armonica cromatica e fisarmonica

Roberto Olzer pianoforte

Marco Mistrangelo contrabbasso

Nicola Stranieri batteria

Video:

CURRICULA DEI MUSICISTI

MAX DE ALOE - armonica cromatica e fisarmonica - www.maxdealoe.it

Tra i più attivi armonicisti jazz in Europa, annovera nel suo curriculum prestigiose collaborazioni in sala di registrazione e/o dal vivo con musicisti del calibro di Kurt Rosenwinkel, Adam Nussbaum, Paul Wertico, Bill Carrothers, John Helliwell dei Supertramp, Eliot Zigmund, Paolo Fresu, Michel Godard, Jesper Bodilsen, NIklas Winter, Mike Melillo, Don Friedman, Garrison Fewell, Dudu Manhenga, Franco Cerri, Renato Sellani, Gianni Coscia, Gianni Basso, Dado Moroni e molti altri.

Ha all’attivo tredici album come leader e una trentina come ospite, ma anche spettacoli in solo, realizzazioni di colonne sonore per spettacoli teatrali e documentari, oltre a collaborazioni con poeti, scrittori e registi. Tra i tanti da annoverare Lella Costa, Marco Baliani, Oliviero Beha, Paolo Nori, Giuseppe Conte, ecc.

In ambito pop ha collaborato con Mauro Pagani e Massimo Ranieri.

Ha vinto negli ultimi tre anni il Jazz It Awards indetto dalla rivista Jazzit come migliore musicista italiano del 2014, 2015 e 2016 nella categoria riservata agli strumenti vari (viola, violoncello, armonica, banjo, arpa, mandolino. ecc.). Ed è vincitore del premio Orpheus Awards 2015 con il CD Borderline per la sezione jazz.

Si è esibito in festival e prestigiose rassegne in diversi Paesi tra cui Germania, Francia, Danimarca, Sud Africa, Zimbabwe, Mozambico, Madagascar, Brasile, Cina, ecc. In ambito televisivo è stato ospite nel 2014 nel live show del sabato sera di Rai Uno al fianco di Massimo Ranieri e nello stesso anno è stato l'alter ego musicale di Federico Buffa nelle dieci puntate di Federico Buffa racconta storie mondiali per Sky Sport e Sky Arte.

Divide la sua attività professionale tra quella concertistica e quella didattica. E' fondatore e direttore dal 1995 del Centro Espressione Musicale di Gallarate, dove insegna tecnica d’improvvisazione jazz, fisarmonica e armonica cromatica. Ha tenuto delle lezioni di tecnica di improvvisazione all’Accademia d’Arti e Mestieri dello Spettacolo del Teatro alla Scala di Milano e al corso di Sociologia dell'Università Statale Bicocca di Milano sul rapporto tra musica e turismo culturale.

La prestigiosa casa editrice americana SHER MUSIC ha edito nel 2013 il suo metodo didattico Method for Chromatic Harmonica, con presentazione, tra i tanti, di Toots Thielemans. Riedito nel 2013 in Italia dalla Volontè e Co.

Per la stessa casa editrice italiana ha appena realizzato un nuovo metodo didattico dal titolo Suona l'armonica. E’ endorser dell’azienda tedesca Hohner.

Nello scorso aprile ha rappresentato l’Europa al Festival dell’armonica a bocca di Hong Kong: l’Harmonica Summit.

Il 7 giugno 2018 si è esibito al finaco di Massimo Ranieri allo Stadio San Paolo di Napoli gremito a dismisura per “Pino è”, omaggio all’indimenticabile Pino Daniele, proponendo Cammina Cammina e regalando al pubblico una delle migliori intrepretazioni.

ROBERTO OLZER - pianoforte - www. robertoolzer.com

Diplomato in Organo e Composizione Organistica al Conservatorio ‘G. Verdi’ di Milano sotto la guida del M° Giancarlo Parodi e, con il M° Alberto Magagni, in pianoforte al Conservatorio di Mantova, si dedica ben presto all’apprendimento e allo sviluppo delle tecniche improvvisative nel repertorio jazzistico grazie alla frequentazione di Ramberto Ciammarughi.

Laureato a pieni voti in Filosofia presso l’Università Cattolica di Milano, affianca all’attività didattica quella compositiva (con vari lavori pubblicati, tra i quali il brano ‘Per Geometrico Destino’ per Soli, Coro e Orchestra, commissionato dal comitato italo-elvetico per le celebrazioni del centenario del traforo del Sempione), quella di arrangiatore, per svariate formazioni tra le quali l’Orchestra Sinfonica del Teatro Coccia di Novara e il Decimino di Ottoni del Teatro la Scala di Milano. Per quest’ultimo, ha arrangiato – tra le altre partiture – un Omaggio a Nino Rota, una Suite dedicata a John Williams, e la Rhapsody in Blue di Gershwin, in cui si è anche proposto quale pianista solista. Da ultimo, l’unione del Decimino con il Roberto Olzer Trio ha prodotto lo spettacolo ‘American Sweets’ che ha debuttato nel luglio 2015 nella rassegna ‘Tones on the Stones’.

Numerose anche le frequentazioni in ambito pop, grazie alle quali ha potuto collaborare con artiste quali Antonella Ruggiero, Tosca, Simona Bencini e Susanna Parigi.

Copiosa infine l’attività concertistica in ambito classico e jazzistico, in Italia, Svizzera, Francia, Germania, Inghilterra e Giappone, tanto come pianista che come organista, in veste solistica e di accompagnatore all’interno di diversi ensemble.

Ha al suo attivo una trentina di album editi da etichette nazionali di jazz quali Abeat, Dodicilune, Splasc(h) e Caligola, ed internazionali (Atelier Sawano, Osaka, Japan). Oltre a varie collaborazioni come sideman (Max De Aloe Quartet, Michele Gori Quartet, Elisa Marangon Quartet, ecc..), è alla guida di un proprio Trio, a fianco di Yuri Goloubev al contrabbasso e Mauro Beggio alla batteria, coi quali ha realizzato tre Tour Giappone, nel Giugno 2015, Settembre e Dicembre 2016. I loro CD ‘Steppin’ Out’ e ‘Dreamsville’ sono stati premiati dalla rivista giapponese ‘Jazz Critique Magazine’ come migliori dischi di jazz strumentale rispettivamente del 2013 e del 2016. Come organista ha recentemente inciso, per TRJ Records, il suo primo album, sull’organo Luigi Biroldi di Quarna Sotto (VB), con la partecipazione di Giancarlo Parodi e Stefano Gori al flauto.

MARCO MISTRANGELO- contrabbasso - www.marcomistrangelo.it

Bassista e Contrabbassista, diplomato al conservatorio di Piacenza, dal 1996 si dedica principalmente al jazz e alla musica moderna.

Un’intensa attività concertistica e in studio di registrazione lo hanno portato a collaborare con importanti jazzisti italiani e stranieri quali:

Paolo Tomelleri (di cui è collaboratore stabile da quasi quindici anni nelle varie formazioni in cui il clarinettista e saxofonista si esibisce, dal quartetto alla big band), Lee Konitz, Dave Liebman, Bill Carrothers, Bruno De Filippi, Carlo Bagnoli, Max De Aloe, Emilio Soana, Nando De Luca, Rossano Sportiello, Piero Bassini, Emanuele Cisi, Giovanni Falzone, Enrico Intra, Tony Arco, Rudy Migliardi, Laura Fedele, Felice Reggio, Stefano Bagnoli, Fabrizio Bosso,Tullio De Piscopo, Lino Patruno, Bebo Ferra, Giulio Visibelli, Wally Allifranchini, Alfredo Ferrario, Paolo Alderighi, Lillian Buottè, Hengelbert Wrobel, Tino Tracanna, Massimo Colombo, Paola Folli, Daniele Comoglio, Ricardo Bianchi, Luciano Zadro, Adi Souza,

Con partecipazioni a numerosi concerti in jazz club e festival in Italia ed all'estero, tra cui

Jazzascona (Svizzera, 07,08,13,14), Brianza Open (05, 06, 07, 08, 09, 10, 11, 13) Jazz, Percfest, Jazz a Domodossola (2001), New Orleans Music Festival Wendelstein (Germania), Versilia Jazz Festival, Pineto Accordion jazz Festival, Sonvico in Jazz (Svizzera), Musica sulle Bocche Jazz Festival, Mito SettembreMusica, Bùlacher Jazzstage (Svizzera), Gallarate Jazz Festival, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Teatro Dal Verme (Milano), Auditorium di Milano/LaVerdi Stagione Sinfonica 2012/13, 2013/14, 2014/15 (Milano) Blue Note (Milano), Casa Del Jazz (Roma), Roccella Jazz Festival, Valdarno Jazz Festival, Mic Picaud Cannes ( Francia), Luna Blues Tenero 2010 (Svizzera), Torino Jazz Club, Biella Jazz Club, Fano Jazz On The Sea, Eventi in Jazz, Le Vie del Suono, Santa Fiora in Musica Festival Internazionale 2009 e 2015, Nuovi Territori tra Jazz e Musica Europea, International Live Swing Summit ( 2012, 13,14, 15, 16) Sestri Jazz, Segni in Jazz, Trentino in Jazz 2013, Ambria jazz 2013,Valtidone festival 2014/2015, Cernusco Jazz 2015, Jazz Festival città di Mortara 2015 e 2016, Bia Jazz 2016, Estate Sforzesca 2016 e 2017,Vintage Roots Festival ed 8, Up To Penice 2016, Soresina Jazz Festival 2017 etc

Nei primi mesi del 2007 forma il trio di latin jazz “Iguazu Acoustic Trio” con il batterista/percussionista italo/argentino Alex Battini e il pianista a compositore Fabio Gianni. Il trio ha al suo attivo due cd:

“Rubio”, con la prestigiosa partecipazione di Alex Acuna alle percussioni, e “Funclave”

Vanta collaborazioni anche nel mondo della musica leggera e d’autore, (Giuni Russo, Giangilberto Monti, Sorelle Marinetti, Kaballà,).

Ha inciso in questi anni oltre30 cd spaziando tra jazz, musica latina, canzone d'autore e musiche per il teatro.

Svolge parallelamente attività didattica ed attualmente collabora con diverse scuole civiche in qualità di insegnante di basso elettrico , contrabbasso e laboratorio di musica d’insieme jazz.

NICOLA STRANIERI- batteria - www.nicolastranieri.it

Nicola Stranieri ha studiato a Novara con Angelo Visconti ed Enrico Lucchini, in seguito a Milano con Tullio De Piscopo. Prosegue poi da autodidatta, facendo tesoro da un lato dall'assiduo ascolto dei dischi e dall'altro della frequentazione dei tanti musicisti con i quali ha avuto il piacere di suonare.

La sua naturale versatilità lo rende apprezzato in diversi contesti musicali: dal jazz tradizionale agli stili più moderni e sperimentali.

Svolge un’intensa attività partecipando a diverse rassegne e festivals, tra cui: UDIN&JAZZ, MITO Settembre Musica, Padova Jazz, Roccella Jazz Festival, Ascona Jazz, Villa Celimontana (Roma), Musica sulle Bocche, Trieste Jazz Festival, BaRoMus (Croazia), Iseo Jazz, TanJazz (Tangeri/Marocco), Shkodra Festival (Albania), Fano Jazz On The Sea, Eventi in Jazz, Le Vie del Suono, Novara Jazz, Ubi Jazz, AH-UM Milano Jazz Festival, Gallarate Jazz Festival, Euro Jazz Festival d’Ivrea, Varese in Jazz, Brianza Open Jazz, Versilia Jazz Festival, Sonvico in Jazz (Svizzera), Pineto Accordion Jazz Festival, Rimini Jazz, Terra del Sole, La casa del Jazz (Roma), Blue Note Milano, Torino Jazz Club, Ferrara Jazz Club, Venice Jazz Club, etc.

Ha inciso in questi anni 52 cd con varie formazioni di cui 3 come co-leader.

Concerti in Francia, Svizzera, Albania, Marocco, Kenya, Malta, Croazia.

Annovera prestigiose collaborazioni in concerto ed in sala di registrazione con numerosi musicisti jazz, di fama internazionale ed italiani: Ralph Alessi, Bill Carrothers, Mat Maneri, Scott Hamilton, Gianni Basso, Enrico Rava, Fabrizio Bosso, Franco Cerri, Chris Collins, Garrison Fewell, Arrigo Cappelletti, Claudio Fasoli, Giancarlo Schiaffini, Carlo Actis Dato, Bruno De Filippi, Barbara Casini, Gianni Coscia, Bebo Ferra, Billy Lester, Luca Aquino, Ares Tavolazzi, Liudas Mockunas, Paolo Alderighi, Alfredo Ferrario, Engelbert Wrobel, Eiji Hanaoka, Michel Pastre, Nicki Parrott, Stephanie Trick, Paolo Tomelleri, Max De Aloe, Luis Agudo, Andrea Pozza, Rosario Bonaccorso, Andrea Dulbecco, Mauro Negri, Giulio Visibelli, Alberto Mandarini, Michael Rosen, Paolo Dalla Porta, Marco Micheli, Sandro Gibellini, Antonio Ciacca, Ada Montellanico, Simone Guiducci, Fausto Beccalossi, Riccardo Fioravanti, Attilio Zanchi, Maurizio Brunod, Beppe Caruso,Yuri Goloubev e molti altri. Tra le collaborazioni attuali in ambiti non jazzistici si segnala quella con la cantautrice pop Susanna Parigi.

Attualmente svolge attività didattica presso la "Scuola di Musica Dedalo" di Novara dove coordina la sezione di jazz.

They say

… è un batterista d'esperienza, poliedrico, capace di spaziare in diversi ambiti jazz, dal tradizionale al mainstream, al free, al camerale. E' dotato di un suono leggero, delicato, lirico e al tempo stesso deciso e percussivo…

Flavio Caprera - DIZIONARIO DEL JAZZ ITALIANO - Universale Economica Feltrinelli, 2014

Informazioni:

Servizio per il sostegno occupazionale e la valorizzazione ambientale

Provincia Autonoma di Trento

Via R. Guardini, 75 – 38121 TRENTO

Tel. 0461 706824 (Parco di Levico))

e-mail: parco.levico@provincia.tn.it

www.naturambiente.provincia.tn.it - fb: Parco delle terme di Levico

(cz)


Immagini