Comunicato 1305 Sabato, 02 Giugno 2018 - 14:32

I robot non cancelleranno mai del tutto i posti di lavoro, parola di David Dorn

Le prospettive che riguardano il lavoro preoccupano perché per le persone il lavoro è importante, vi dedicano tempo e ne traggono un senso del proprio valore. Per questo motivo David Dorn, studioso di fama internazionale sull’impatto della globalizzazione e dell'innovazione tecnologica sui mercati del lavoro, ha voluto spiegare oggi al pubblico del Festival nell'aula magna della facoltà di Giurisprudenza, che i robot non ruberanno mai del tutto il lavoro all'uomo, nonostante l'enorme progresso tecnologico che permette di impiegarli in molte mansioni.
È piuttosto il mercato del lavoro che deve adeguarsi e i sistemi nazionali di istruzione che devono offrire adeguata formazione e riqualificazione; le sfide che si presentano non devono basarsi sul timore che le macchine sostituiscano gli uomini, ma sul modo in cui gestire i cambiamenti e garantire una crescita economica sufficiente ad innalzare il reddito di tutti. A guidare l'incontro con Dord c'era Andrea Fracasso, direttore della Scuola di Studi Internazionali dell'Università di Trento.

Nel corso del tempo la capacità di calcolo dei computer è aumentata notevolmente, si dice che raddoppi ogni due anni e al tempo stesso il costo necessario ad aumentare la loro potenza è andato via via scendendo. In futuro avremo robot con capacità di mansioni sempre più ampie e dal costo ridotto. Oggi le macchine sono in grado di svolgere compiti un tempo non immaginabili, come ad esempio guidare da sole autoveicoli e dunque non è una predizione strampalata quella che immagina la sostituzione completa del lavoro umano da parte dei robot. Tuttavia, secondo Dorn, è possibile vedere le cose in modo diverso, anche guardando alla storia dei cambiamenti tecnologici e delle invenzioni che hanno rivoluzionato il modo di lavorare delle persone.
Luce, radio, motore a combustione, sono nuove tecnologie di un tempo di cui usufruiamo ancora oggi e dunque possiamo pensare ad un progresso tecnologico più rallentato rispetto a quello dell'immaginario collettivo.
Inoltre le novità nel modo di lavorare introdotte dalla tecnologia hanno sempre portato reazioni negative, basti ricordare le grandi proteste dovute all'introduzione dei telai meccanizzati, o quelle dovute all'introduzione degli arcolai, il cui uso fu addirittura bandito in molte antiche città commerciali come Parigi, Venezia e Colonia. La preoccupazione che l'automazione porti alla disoccupazione in realtà non si è rivelata del tutto vera, anche perché le nuove tecnologie creano nuovi posti di lavoro e i consumi derivanti dalle nuove invenzioni cambiano e creano diversi bisogni, prima inesistenti e con una riduzione dei costi che aumenta l'accessibilità dei prodotti. 
Dord si è poi soffermato sull'impatto concreto che che i robot hanno sul mondo del lavoro, considerando da vicino le trasformazioni in atto. Infatti, le macchine offrono vantaggi in certi tipi di lavoro che richiedono esattezza e velocità di calcolo o di elaborazione delle informazioni. Tuttavia, una serie di compiti non sono adatti ai robot: sono quelli in cui si rende necessaria la creatività, la ricerca di soluzioni non convenzionali, le capacità decisionali complesse, le interazioni sociali. L'aspetto dell'empatia umana, ad esempio, non si replicherà mai tanto facilmente nelle macchine. Per i lavori ripetitivi, invece, è già in atto la presenza massiccia delle macchine, sebbene certe operazioni che implicano l'uso delle mani e la capacità di riconoscimento degli oggetti o dei volti non siano molto semplici neppure nell'intelligenza artificiale. Questo significa che le urgenze maggiori riguardano la necessità di riqualificare i lavoratori in modo efficace e a basso costo. Non dimentichiamo, poi, che l'uomo è l'unico ad essere capace di svolgere più compiti contemporaneamente. Dunque, secondo Dord, è prevedibile che i posti di lavoro non saranno completamente azzerati dalla presenza dei robot, ma è bene orientare le preoccupazioni verso altri problemi: soprattutto fare delle scelte politiche che garantiscano la crescita economica e l'innalzamento del reddito e che riescano a garantire equità nella formazione e nella distribuzione della ricchezza. 

Sito: www.festivaleconomia.it
Twitter: https://twitter.com/economicsfest 
Facebook: https://www.facebook.com/festivaleconomiatrento 
Instagram: https://www.instagram.com/festivaleconomia/ 

Immagini

(sil.me)


Potrebbe interessarti

ATTUALITÀ E CRONACA , AVVISI
Giovedì, 14 Giugno 2018

Avvocato, una professione attenta alle storie delle persone

“Attraverso altre storie” è il titolo del progetto che il Consiglio dell’ordine degli avvocati di Trento presenterà domani alle ore 16.30 al Teatro San Marco di Trento per promuovere l’alternanza scuola lavoro. Il progetto - sostenuto anche dalla Fondazione Caritro, Fondazione...

Leggi
ATTUALITÀ E CRONACA , LAVORO
Mercoledì, 06 Giugno 2018

La straordinaria diversità del Trentino

Leggi
LAVORO
Lunedì, 04 Giugno 2018

Occupazione, più 17 % delle assunzioni nei primi tre mesi dell'anno

Sulla scia del precedente anno continua, e anzi si rafforza, la crescita della domanda di lavoro delle imprese trentine. Nei primi tre mesi del 2018 il saldo, quale differenza tra assunzioni e cessazioni, vede le prime superare le seconde per 231 unità. Si tratta di un dato molto positivo...

Leggi
Giovedì, 26 Marzo 2015

2015: più competenti e più competitivi

Sono tre gli episodi che hanno caratterizzato questa parte finale del 2014, le cui conseguenze ci accompagneranno per tutto il prossimo 2015 (e negli anni a venire). Tre atti, tre “soglie” che renderanno la nostra Autonomia più matura e pronta ad entrare nella sua terza fase, che...

Leggi
Emigrazione , Famiglia
Mercoledì, 28 Giugno 2017

Trentino Comunità n.24

Festa provinciale dell'Emigrazione dal 6 al 9 luglio - Progettone: 350 posti di lavoro in più nel 2017 - Due corsi di alta formazione professionale post diploma - Contributi della Provincia per la formazione post-diploma

Ascolta
Venerdì, 23 Giugno 2017

Trentino Comunità n.23

In arrivo l'assegno unico provinciale: un nuovo welfare di comunità - Agenzia del Lavoro: aperte le iscrizioni ai gruppi di sostegno attivo alla ricollocazione - Da sabato 24 giugno entrano in vigore gli orari estivi del servizio extraurbano e della Trento-Malè - Scuola dell'infanzia: sono...

Ascolta
Giovedì, 20 Aprile 2017

Trentino Comunità n.14

Politiche di conciliazione famiglia-lavoro: firmato l'accordo volontario di area - Contributi per la riqualificazione energetica: attivo il nuovo bando - Frutticoltura, tre milioni per le strutture di conservazione - Spirale investe nello stabilimento di Cinte Tesino: 35 nuove assunzioni

Ascolta