Venerdì, 01 Febbraio 2019 - 13:03 Comunicato 188

Il provvedimento aggiorna un protocollo d’intesa stipulato nel 2013 tra Miur e Province di Trento e Bolzano.
Aggiornamento del protocollo d’intesa per l’esame di Stato nell’IeFP

Il provvedimento approvato oggi dalla Giunta provinciale definisce la proposta di aggiornamento del Protocollo d’intesa riferito al corso annuale per l’ esame di Stato nell’istruzione e formazione professionale, concordato tra la Le Province autonome di Trento e Bolzano e il Ministero dell’istruzione, Università e ricerca. L’aggiornamento riguarda esclusivamente la struttura e l’articolazione dell’esame di Stato conclusivo del corso annuale (CAPES), adeguandolo alle nuove disposizioni in materia. In particolare le nuove norme prevedono modalità diverse di ammissione e una diversa struttura delle prove d’esame e del colloquio finale a partire dall’anno scolastico 2018/2019.

Dall’anno scolastico 2014/2015 nelle province di Trento e Bolzano è attivo, unico in Italia, un percorso annuale (CAPES), che porta all'esame di Stato di istruzione professionale. Questo percorso è regolamentato di concerto con la Provincia autonoma di Bolzano da un protocollo d’intesa stipulato con il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Quest’anno, tenuto conto delle nuove modalità di svolgimento dell’esame di Stato, si è reso necessario aggiornare il protocollo, adeguandolo alle novità concernenti le nuove norme a riguardo.

Le principali novità prevedono due prove scritte ed un colloquio. La prima prova scritta sarà la medesima rispetto a quella definita come prima prova degli esami di Stato  conclusivi dei    percorsi del   secondo ciclo dell’istruzione. La seconda,  che potrà essere  anche grafica o  scrittografica, avrà lo scopo di accertare il raggiungimento dei risultati di apprendimento specifici e caratterizzanti i piani di studio del corso annuale in riferimento a una o più aree di apprendimento che non sono state oggetto della prima prova.

Il colloquio riguarderà la presentazione da parte del candidato, eventualmente anche in forma di elaborato multimediale, del progetto di lavoro (project-work) individuato e sviluppato durante il corso annuale, anche in relazione ai percorsi per le competenze trasversali e per l’orientamento svolti nel percorso di studi precedente, nonché un confronto, discussione e riflessione sugli elaborati relativi alle prove scritte e su argomenti di interesse multidisciplinare attinenti al piano di studio del corso annuale.

In provincia di Trento i settori di riferimento dei percorsi attivati sono: Agricoltura e ambiente; Industria e artigianato; Servizi amministrativi, commerciali, turistico-alberghieri e alla persona e Servizi socio-sanitari.

I dati sul numero degli iscritti ai corsi CAPES presenti su tutto il territorio provinciale è in costante aumento e registrano esiti complessivamente positivi sia in termine di successo formativo, sia in rapporto alla scelta di proseguire gli studi.

(c.ze.)


Immagini