Comunicato 147 Salute

Lunedì, 01 Febbraio 2016 - 17:57

Nella stessa seduta definito il nuovo assetto della rete dei laboratori ospedalieri
Tione, nominato il direttore della struttura ospedaliera

Egidio Dipede è il nuovo direttore dell’ospedale di Tione. Lo ha deciso il direttore generale dell’Apss che, venerdì scorso, in seguito al pensionamento di Vincenzo Cutrupi, ha conferito la responsabilità della struttura ospedaliera all’attuale direttore della medicina interna di Tione a partire da oggi 1° febbraio.

L’incarico, analogamente a tutti gli incarichi di direzione di struttura ospedaliera attualmente in essere, avrà scadenza il 30 aprile 2016. Egidio Dipede, nato a Matera il 14 dicembre 1956, è direttore dell’Unità operativa di medicina interna dell’ospedale di Tione dal giugno 2014; in precedenza ha ricoperto vari incarichi tra cui la direzione dell’Unità operativa di medicina interna dell'ospedale di Cairo Montenotte.

Nella stessa seduta, in attuazione ai principi stabiliti dalla Giunta provinciale con deliberazione n. 2114 del 5 dicembre 2014 e in seguito ai pensionamenti di Alberto Marcolla, responsabile dei laboratori di Cles e Cavalese e di Vincenzo Cutrupi, direttore dei laboratori di Tione ed Arco, è stato definito il nuovo assetto della rete dei laboratori ospedalieri con l’istituzione delle unità operative multizonali di patologia clinica di Trento e di Rovereto. La nuova organizzazione si fonda su due unità operative multizonali una, diretta da Patrizio Caciagli, con sede istituzionale a Trento e sedi operative a Borgo Valsugana, a Cavalese e a Cles e l’altra, diretta da Michele Schinella, con sede istituzionale all’ospedale di Rovereto e sedi operative nell’ospedale di Arco e di Tione.



Potrebbe interessarti

In merito alle notizie apparse in data odierna sulla stampa locale relativamente all’attività ginecologica nelle strutture ospedaliere di Cavalese e Cles sono doverose alcune precisazioni, in particolare rispetto alla supposta sospensione dell’attività ginecologica in tali strutture a...

di Rosaria Lucchini