Giovedì, 08 Novembre 2018 - 13:35 Comunicato 2695

Insediata in Polo Meccatronica ha messo a punto un sistema per promuovere, studiare e sperimentare grazie all’ologramma. Venerdì 9 novembre la presentazione del dispositivo
Parte la campagna di crowdfunding per gli ologrammi della startup OC Lab

Tra le startup del promettente settore della realtà aumentata, per il quale si stima nel mondo una crescita del 110% l’anno, c’è anche la trentina OC Lab, insediata in Polo Meccatronica a Rovereto. Nata in seno a OC Group, ha ideato l’innovativo proiettore olografico QuVi che permette una visione a 360° di prodotti, opere d’arte e spot pubblicitari favorendo la conoscenza e offrendo un’esperienza interattiva. QuVi è al centro di una nuova campagna di equity crowdfunding sulla piattaforma Opstart.it. L’equity crowdfunding è forma di raccolta collettiva di finanziamenti basata sull’acquisti di quote sociali da parte di privati e di un soggetto istituzionale. Ruolo, quest’ultimo, che sarà ricoperto da Trentino Sviluppo in virtù della fiducia riposta in questa startup e della valutazione del suo interessante potenziale. Venerdì 9 novembre il Polo Tecnologico di Via Zeni a Rovereto ospiterà l’evento di presentazione della campagna. L’appuntamento è per le ore 16.30.

Cresce l’attenzione intorno al proiettore olografico trentino QuVi, ideato e realizzato dalla startup OC Lab, nata nel 2014 e in forze a Polo Meccatronica, hub tematico di Trentino Sviluppo. Dalla sua ideazione, il progetto si è già aggiudicato due bandi Fiware della Comunità Europea. OC Lab è stata inoltre recentemente selezionata tra la realtà che rappresenteranno l’Italia al prossimo CES (Consumer Electronics Show), tra i principali appuntamenti del settore digitale al mondo, in programma a Las Vegas il prossimo mese di gennaio.
Dopo l’ingresso sul mercato avviato ad ottobre, OC Lab ha deciso di sostenere il suo sviluppo attraverso una campagna di equity crowdfunding finalizzata ad implementare la propria presenza a livello europeo. L’obiettivo della campagna è il raggiungimento di 300 mila euro e si può partecipare con quote a partire da 250 euro.
Il potenziale del prodotto è alto e segue un trend di crescita proprio di tutto l’ambito della realtà aumentata, per cui si stima un valore di 215 miliardi di dollari nel 2021.
I primi risultati del proiettore olografico sul mercato sono già arrivati. QuVi è stato esposto a fiere internazionali quali Hannover Messe e Tube&Wire, ha proiettato l’ologramma di Ennio Morricone ed è stato acquistato da Monterosa Spa per l’evento inaugurale del nuovo impianto di risalita di Champoluc (in Valle d’Aosta) in programma il 6 dicembre prossimo. (f.r.)

(dm)


Immagini