Comunicato 2379 Mercoledì, 13 Settembre 2017 - 15:20

Chirurgia mini-invasiva ed endovascolare per la cura dei pazienti che non possono utilizzare farmaci anticoagulanti e antiaggreganti
Fibrillazione atriale, al Santa Chiara cure innovative

L’ospedale Santa Chiara di Trento è il primo ospedale italiano che cura i pazienti affetti da fibrillazione atriale ad alto rischio di embolie con un duplice approccio, quello chirurgico mini-invasivo e quello interventistico endovascolare. L’applicazione delle due tecniche all'avanguardia a livello nazionale è effettuata dalle équipe delle unità operative di Cardiochirurgia e di Cardiologia. I trattamenti sono riservati ai pazienti che hanno una controindicazione ai farmaci anticoagulanti e antiaggreganti. Le persone fino ad ora sottoposte all’intervento hanno superato bene la fare operatoria e sono state dimesse in buone condizioni e senza complicanze.
[ foto Branzoli apss]

Le metodiche utilizzate al Santa Chiara hanno lo scopo di evitare la formazione di trombi nel cuore durante la fibrillazione atriale escludendo dalla circolazione, di fatto chiudendola, l’auricola sinistra, la sede preferenziale della nascita di coaguli che possono arrivare al cervello provocando l’ictus.

Il trattamento chirurgico mini-invasivo di chiusura della auricola sinistra per via totalmente video toracoscopica viene effettuato mediante un dispositivo snodabile che, introdotto nel torace attraverso un passaggio puntiforme, chiude dall’esterno l’apertura di entrata dell’auricola. Questa metodica ha il grande vantaggio di evitare l’apertura chirurgica del torace limitando di molto l’aggressività dell’intervento con una più veloce ripresa del paziente. Il trattamento è riservato alle persone che hanno una controindicazione assoluta a qualsiasi farmaco anticoagulante e antiaggregante per un rischio emorragico proibitivo.

Nei casi in cui è controindicata la terapia anticoagulante ma, almeno per un breve periodo, è possibile somministrare farmaci antiaggreganti senza incorrere in un rischio emorragico elevato, è possibile effettuare la chiusura dell’auricola sinistra procedendo per via endovascolare. Con questa seconda modalità il trattamento viene effettuato introducendo, attraverso la vena femorale, un catetere che permette di raggiungere il cuore e rilasciare un dispositivo a forma di ombrellino che viene ad occupare, sigillandola dall’interno, l’auricola sinistra.

L'ospedale Santa Chiara di Trento, grazie quindi ad una sinergia di intenti e professionalità interdisciplinare cardiochirurgia, cardiologica e anestesiologica, che ha portato all'applicazione di due tecniche per l'esclusione dell'auricola sinistra, è all'avanguardia a livello nazionale potendo offrire a ciascun paziente in terapia anticoagulante a elevato rischio emorragico il trattamento migliore.

Immagini

(rc)


Potrebbe interessarti

SALUTE , TERRITORIO E AMBIENTE
Venerdì, 22 Settembre 2017

La temperatura aumenta, muoviamoci. Farà bene all'ambiente e alla nostra salute

Cambiamenti climatici: quanto tempo abbiamo per salvare il pianeta? Perché la mobilità sostenibile fa bene alla salute, e perché la gente, pur sapendo che l'attività fisica fa bene, non lo fa? E' a queste domande, in particolare, che ha dato risposta la sessione mattutina della...

Leggi
SALUTE
Giovedì, 21 Settembre 2017

Medicina generale, firmato oggi l’accordo per l’inserimento dei nuovi medici nel territorio

È stato firmato oggi con i sindacati della medicina generale l’accordo che ridefinisce le modalità e le regole per l’inserimento di nuovi medici di medicina generale nel territorio, risolvendo anche in tal modo la specifica criticità, recentemente manifestatasi, della difficoltà di...

Leggi
SALUTE
Mercoledì, 20 Settembre 2017

La protonterapia di Trento all’avanguardia nella cura di tumori negli organi in movimento

Un nuova metodica di trattamento clinico di una lesione neoplastica è stata messa a punto e recentemente utilizzata con successo nel Centro di protonterapia di Trento. Nelle scorse settimane è stato infatti ultimato il primo trattamento che prevede il controllo del respiro del paziente e...

Leggi
Mercoledì, 03 Febbraio 2016

Il microbiota umano, un superorganismo

di Rosaria Lucchini

Leggi