Comunicato 3407 Giovedì, 21 Dicembre 2017 - 17:51

Nata per garantire una presa in carico globale delle persone con tumore della mammella. L’oncologa Antonella Ferro sarà responsabile clinico
Apss, istituita la rete clinica Breast Unit

È stata istituita in Apss la rete clinica Breast Unit, una modalità organizzativa volta a migliorare la presa in carico delle donne affette da cancro al seno assicurando la collaborazione trasversale tra professionisti di aree territoriali e ospedaliere diverse e fornire cure di qualità e uniformi in tutta la provincia. Il direttore generale ha altresì indicato l’oncologa Antonella Ferro quale responsabile clinico e coordinatrice della rete Breast Unit.

Oggi, nel corso del tradizionale incontro con i dipendenti per lo scambio degli auguri, il direttore generale Paolo Bordon ha reso nota l’istituzione della rete clinica Breast Unit: «Un ulteriore passo avanti nella presa in carico delle donne con tumore al seno – ha detto Bordon – un modello che, come dimostrato dalle evidenze scientifiche, offre significativi vantaggi in termini di sopravvivenza e di complessiva qualificazione delle cure e della qualità di vita delle donne. Questo percorso renderà più efficace il lavoro dei professionisti e dei servizi impegnati nel percorso diagnostico data la relazione che sussiste tra i volumi di attività e gli esiti di cura. Il modello della Breast Unit metterà a servizio delle pazienti competenze sanitarie specifiche e tecnologie avanzate oltre ad un collegamento tra la rete ospedaliera e le strutture territoriali, compresi gli hospice in una logica di sistema integrato e con modalità operative omogenee».

La patologia oncologica della mammella costituisce in Italia la prima causa di morte nella fascia di età fra i 35 e i 50 anni. Negli anni la tematica del tumore al seno è stata oggetto di specifiche iniziative che si sono concretizzate nella definizione, nel 2014, del percorso diagnostico terapeutico del carcinoma della mammella, volto a garantire un percorso omogeneo, strutturato e multidisciplinare, per screening, diagnosi, terapia e gestione delle pazienti e dei pazienti con neoplasia della mammella. L’istituzione della rete clinica Breast Unit consentirà di mettere in rete tutti i professionisti che già oggi lavorano sulla patologia mammaria dal senologo all’oncologo, dal chirurgo allo psicologo, ottimizzando i collegamenti e le collaborazioni fra i servizi ospedalieri e territoriali attraverso il governo della domanda di cura e assistenza con modalità operative omogenee in stretta relazione anche con le associazioni dei malati e i loro familiari.

In questo senso vi sarà un forte coinvolgimento di tutte le figure professionali necessarie ad assicurare un’adeguata e personalizzata presa in carico delle pazienti lungo tutto il percorso di cura e sarà concentrata in un’unica sede l’attività di chirurgia senologica attraverso la creazione di una struttura semplice di Area «Chirurgia della mammella».

Da parte sua l’assessore alla salute e politiche sociali Luca Zeni ha posto l’evidenza sull’importanza di questa rete per la salute delle donne: «Questo è un passaggio molto importante e atteso che avevamo annunciato nei mesi scorsi e che completa il processo di integrazione della rete oncologica iniziato da tempo; questo è l’ultimo passaggio formale nell’ottica di qualificazione delle cure alle donne colpite da tumore al seno, un passaggio che potrà garantire significativi vantaggi in termini di sopravvivenza e di qualità di vita di molte pazienti trentine».

Immagini

(rc)


Potrebbe interessarti

SALUTE
Giovedì, 26 Aprile 2018

Zecche: le principali misure di prevenzione

Le zecche si trovano solitamente sulle piante in zone umide ricche di cespugli, ai margini dei boschi, a quote inferiori ai 1.400 metri. La puntura di zecca non è dolorosa ma può trasmettere alcune infezioni tra cui le principali sono la malattia di Lyme e la TBE.

Leggi
SALUTE
Martedì, 24 Aprile 2018

Al via le iscrizioni al corso per operatore socio sanitario

Le iscrizioni al corso per operatore socio sanitario gestito dall’Apss sono aperte fino a venerdì 1° giugno. I posti disponibili per il biennio 2018/2020 sono 40 a Rovereto, 25 a Tione, 40 a Trento e 25 a Ziano di Fiemme. Il corso ha la finalità di formare l’operatore socio sanitario...

Leggi
UNIVERSITÀ E RICERCA
Martedì, 24 Aprile 2018

Ecco il sensore ad alta sensibilità per “scovare” gli ioni

Un sensore di ioni innovativo, estremamente sensibile e in grado di lavorare con efficienza anche con una bassa tensione di esercizio. A idearlo e svilupparlo è stato un gruppo di ricerca che include Matteo Ghittorelli, attualmente ricercatore in tenure-track del Centro Materiali e...

Leggi
Mercoledì, 03 Febbraio 2016

Il microbiota umano, un superorganismo

di Rosaria Lucchini

Leggi
Giovedì, 26 Febbraio 2015

Protonterapia

È iniziata dopo una fase di sperimentazione e di formazione l’attività del centro di protonterapia di Trento. Già i primi malati hanno iniziato la cura e ultimamente si stanno definendo le modalità di accesso dei malati non trentini per i quali l’accesso è gratuito, con ...

Leggi
Venerdì, 20 Novembre 2015

Trentino Comunità n.47

Trento, Bolzano e Innsbruck: 20 anni insieme ricordati a Bruxelles - Novagenit, firmato l'accordo negoziale - Attività chirurgica, presentata la nuova organizzazione - La "macchina" della viabilita' si prepara per l'inverno

Ascolta
Venerdì, 30 Ottobre 2015

Trentino Comunità n.44

Bilancio 2016: una manovra espansiva - Camini e impianti termici: prima la sicurezza - Le sfide della sanità trentina: vicinanza ai cittadini, innovazione, sostenibilità, alleanze - Chicago e il Midwest americano, grande opportunità per l’export

Ascolta
Venerdì, 15 Maggio 2015

Trentino Comunità n° 20

Urbanistica: stop al consumo di suolo. Si punta su riqualificazione, qualità e semplificazione  - “Okkio alla salute”: i risultati del monitoraggio sull'alimentazione infantile - Compartecipazione alla spesa sanitaria: un euro per le ricette farmaceutiche e tre euro per le...

Ascolta