Venerdì, 14 Luglio 2023 - 13:35 Comunicato 2107

Decisione della Giunta su proposta del vicepresidente Tonina
Primiero: approvato il piano stralcio delle aree produttive del settore secondario

Approvato dalla Giunta provinciale, su proposta del vicepresidente e assessore all'urbanistica Mario Tonina, il piano stralcio al Piano territoriale della Comunità di Primiero per le aree produttive del settore secondario di livello provinciale. La Commissione provinciale per l’urbanistica e il paesaggio, sulla base delle verifiche condotte dai Servizi provinciali, aveva già espresso una valutazione sostanzialmente favorevole, subordinanto l'adozione definitiva del Piano ad alcuni approfondimenti in merito alla definizione di indirizzi più generali per la progettazione delle aree produttive del Primiero. La Comunità ha quindi elaborato gli approfondimenti richiesti, consentendo di giungere all'adozione definitiva di oggi.
"L’approvazione del Piano stralcio - sottolinea l'assessore Tonina - consente alla Comunità di Primiero di perseguire in modo più efficace gli obiettivi di sviluppo che si è data, adattando la pianificazione alle esigenze locali del comparto produttivo, migliorando la fruibilità delle aree produttive e le relazioni al contesto territoriale e contenendo il consumo di suolo con la restituzione alla destinazione agricola dell’area prevista ai Masi".
La Giunta provinciale a Roncegno Terme: Mario Tonina, Mirko Bisesti, Maurizio Fugatti [ Foto: Juliet Astafan - Archivio Ufficio Stampa PAT]

Compete ai Piani territoriali delle Comunità, a partire dalle previsioni del PUP e nel rispetto delle sue norme di attuazione, delimitare e disciplinare le aree produttive del settore secondario di livello provinciale, individuare nuove aree produttive del settore secondario di livello provinciale e riclassificare le aree produttive da livello provinciale a locale.  Queste  previsioni rientrano tra quelle che hanno effetto conformativo e quindi prevalgono sui contenuti contrastanti dei piani Piano Regolatori Generali.

L’iter di approvazione del Piano ha preso avvio nel 2021 con la prima adozione da parte dell’Assemblea per la pianificazione urbanistica della Comunità e giunge ora all’atto finale, acquisito anche il parere della Commissione urbanistica provinciale.
Le modifiche sostanziali apportate dal Piano stralcio riguardano in particolare il declassamento da area produttiva di livello provinciale a produttiva di livello locale di un’area compresa tra i comuni di Imer e Mezzano e la trasformazione in agricola di un’intera area produttiva di livello provinciale che era prevista in località Masi di Imer.

Il Piano stralcio rivisita inoltre gli indirizzi per la progettazione nelle aree produttive che la pianificazione subordinata potrà sviluppare anche per tutte le aree produttive di livello locale.

(mp)


Immagini